Autore Topic: ad un passo da skynet  (Letto 115 volte)

Offline legacy

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 5152
  • Karma: +14/-2
    • Mostra profilo
ad un passo da skynet
« il: 22 Luglio 2019, 18:29:45 »
Qualcuno, o qualcosa (forse un stormo di spambot), continua imperterrito a spammare nel LetterBox di DTB, e siccome si rischiava di affondare nello spam, abbiamo messo a guardia del fortino una IA.

Si tratta della buona Suppa-NLP, che al commit sta alla version 2.1, ed e' proprio qui che arrivano le sorprese.

La versione precedente era semi-automatica, ovvero decideva se un messaggio era "good" or "bad" (boolean, o nero, o bianco), ma poi era un operatore umano a bannare l'IP!

Con la versione 2 abbiamo introdotto il machine-learning, ed il training sui messaggi che ci arrivavano.

... ecco, siccome ci sono arrivate montagne di cacca solida la cosa ha influito parecchio sul training della I.A. che ora vede il 99.97% degli umani come potenziale fonte di spam  :o :o :o


In breve, ragiona cosi': se un messaggio soddisfa un qualsiasi pattern con una confidedenza bilaterale > 95%, allora e' "bad", altrimenti .. analizza lo storico dei messaggi ricevuti e prendi autonomamente una decisione.


Ha notato che su 4000 messaggi ce ne sono 3986 negativi, quindi ha calcolato una probabilita' 3986/4000 che un messaggio dubbio sia da considerarsi "bad".


E questa *cosa* l'abbiamo messa a governare il sito. Direi che un po' fa paura, nel senso ... pensate al training che una qualsiasi IA (anche molto + sofisticata del nostro giocattolo) potrebbe avere nella internet di oggi dove pare che la maggior parte della gente che scrive (non di quella che legge, ma di quella che lascia un segno) e' pessima.

Offline legacy

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 5152
  • Karma: +14/-2
    • Mostra profilo
Re:ad un passo da skynet
« Risposta #1 il: 22 Luglio 2019, 18:34:27 »
In poche parole Suppa pensa che per soddisfare il proprio scopo, ovvero ridurre lo spam, debba eliminare il 99.65% degli umani, che sono quelli che producono spam :o :o :o

Offline legacy

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 5152
  • Karma: +14/-2
    • Mostra profilo
Re:ad un passo da skynet
« Risposta #2 il: 07 Settembre 2019, 11:26:52 »
in USA, nel centro di NewYork, hanno appena innaugurato un "mini market" senza alcun operatore umano! Tutto automatizzato e supervisionato da IA che monitorano quello che gli utenti fanno.

Ti presenti all'ingresso, mostri il telefono, vieni identificato, ti si aprono le porte, entri, raccoglio quello che ti pare (cioccolata, caffe, patatine, tranci di "emm emm" pizza (che non e' pizza), ... quotidiani, fumetti, ... e puoi benissimo metterli in zaino o in tasca, non c'e' alcun bisogno di usare alcuna bar-code reader, ci pensano le n-mila telecamere e sensori a tracciare quello che acquisti.

Una volta uscito, il sistema ti invia la fattura decurtando crediti dalla carta prepagata o dal conto speciale (Amazon-pay, ancora sperimentale).


Bella dimostrazione!  :D

Offline saimon69

  • Guru
  • *****
  • Post: 1765
  • Karma: +23/-3
  • Web Dev e musicista da camera (da letto)
    • Mostra profilo
    • binarydoodles Blog
Re:ad un passo da skynet
« Risposta #3 il: 08 Settembre 2019, 07:56:31 »
in USA, nel centro di NewYork, hanno appena innaugurato un "mini market" senza alcun operatore umano! Tutto automatizzato e supervisionato da IA che monitorano quello che gli utenti fanno.

Ti presenti all'ingresso, mostri il telefono, vieni identificato, ti si aprono le porte, entri, raccoglio quello che ti pare (cioccolata, caffe, patatine, tranci di "emm emm" pizza (che non e' pizza), ... quotidiani, fumetti, ... e puoi benissimo metterli in zaino o in tasca, non c'e' alcun bisogno di usare alcuna bar-code reader, ci pensano le n-mila telecamere e sensori a tracciare quello che acquisti.

Una volta uscito, il sistema ti invia la fattura decurtando crediti dalla carta prepagata o dal conto speciale (Amazon-pay, ancora sperimentale).

Bella dimostrazione!  :D

Praticamente una estensione del mini market aziendale di quanto lavoravo ad iHeart ma invece di avere tonnellate metriche di telecamere hanno un AI?
AROS : mica bau bau micio micio =^x^=

Offline legacy

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 5152
  • Karma: +14/-2
    • Mostra profilo
Re:ad un passo da skynet
« Risposta #4 il: 08 Settembre 2019, 14:34:28 »
Praticamente una estensione del mini market aziendale di quanto lavoravo ad iHeart ma invece di avere tonnellate metriche di telecamere hanno un AI?

Una IA con tonnellate di metriche di telecamere ed algoritmi machine-vision :D
Un piccolo passo delle Macchine omeostatiche, un grande passo per le IA.

Offline saimon69

  • Guru
  • *****
  • Post: 1765
  • Karma: +23/-3
  • Web Dev e musicista da camera (da letto)
    • Mostra profilo
    • binarydoodles Blog
Re:ad un passo da skynet
« Risposta #5 il: 09 Settembre 2019, 01:29:42 »
Una IA con tonnellate di metriche di telecamere ed algoritmi machine-vision :D
Un piccolo passo delle Macchine omeostatiche, un grande passo per le IA.

Migliaia di pakistani stile Abu che gestiscono i vari seven eleven e simili negli stati uniti NON gradiranno :/
AROS : mica bau bau micio micio =^x^=

Offline legacy

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 5152
  • Karma: +14/-2
    • Mostra profilo
Re:ad un passo da skynet
« Risposta #6 il: 09 Settembre 2019, 12:25:33 »
Migliaia di pakistani stile Abu che gestiscono i vari seven eleven e simili negli stati uniti NON gradiranno :/

Amazon per ora pensa di gestire solo "un buco tecnologico" nel centro di grosse ed importanti citta'. NewYork e' stata la prima e con solo un punto-vendita. Non penso che Abu debba preoccuparsi, almeno non per i prossimi 3-4 anni, anche perche' dietro quel "buco-tenologico" grande come un nano-market, ci sono almeno 200 persone che ci studiano sopra, di cui almeno 20 sono "scenziati dell'informazione".

Gente che non ti puoi affatto permettere di stipendiare, e siccome ce ne sono pochi di personaggi del genere ... domanda offerta, se la domanda e' tanta (apriamo tanti "buchi-tecnologici?") e l'offerta poca (di quanti "capoccioni" disponiamo?), il punto di intesa sara' alto (i capoccioni, che non sono fessi, chiederanno stipendi da pezzi da 90).

Attorno al 2025 dovrebbero mettere a punto IA in grado di pilotare taxi e servizi pubblici con un livello di affidabilita' superiore a quello umano, e con un livello di costo inferiore. Questo pero' implica che le universita' sfornino figure nuove, da assumere al costo degli attuali ingegneri.

Pensa che negli anni 80 e 90 di ingegneri ce ne erano pochi e quei pochi li pagavano a peso d'oro. Oggi ... io ho lavorato da ing per 1200 euro al mese, e c'e' gente che (in informatica) prende anche di meno.

Attorno al MIT si vedono gia' delle *cose* fare il giro del quartire con a bordo manichini. E ci stanno lavorando sia Google che Amazon che altri  :o

Siamo nel 2019 ed il calcolo del 2025 e' solo una previsione statistica basata su stime riguardo il progresso tecnologico a breve termine, ma anche a fattori sociali e culturali, che considerano p.e. che l'auto elettrica e' stata pensata negli anni 80, prototipizzata p.e. nel Regno Unito con la "Sinclair C5", un veicolo elettrico a batteria ideato da Sir Clive Sinclair e commercializzato a partire dal 10 gennaio 1985, ma che non ebbe affatto successo commerciale sia perche' la tecnologia non permetteva piu' di tanto, sia perche' la gente non ci credeva piu' di tanto.

Quando la gente crede in qualcosa, la tecnologia ha una accelerazione. Difatti l'auto elettrica ha continuato ad evolvere lentamente, fino al 2010, quando ha convinto la massa, e oggi tutto procede a tassi esponenziali, con hoverboard, monopattini elettrici, bici elettriche, autoelettriche, ruote-elettriche, ecc ecc

Ci sono *umani* ch si specializzano nel creare modelli matematici, da dare in pasto a *gigantesche macchine algoritmiche* (una di queste sta in Svizzera, Google Svizzera) che calcolano l'impatto sociale considerando l'accelerazione che la tecnologia ha nel modo di pensare delle persone.

Figure nuove sia tra gli umani, che tra le macchine. Ed e' solo il primo passo.

Se dovessero sparire i tassisti umani, ci sara' comunque bisogno di "analisti" che imbocchino le macchine-omoestatiche di costanti dati necessari per macinare gli algoritmi di guida, cosi' come si sara' bisogno di tecnici, e matematici, ed un sacco di figure nuove, per macchine nuove.

E cio' vale anche per i "buchi-tecnologici" dove potremo acquistare cibo e medicianali.

Offline legacy

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 5152
  • Karma: +14/-2
    • Mostra profilo
Re:ad un passo da skynet
« Risposta #7 il: 09 Settembre 2019, 12:49:49 »
Intanto Thehalloween sta imprecando contro la porta di ingresso nel bunker
- rilevata concentrazione alcolica superiore ai 21(%) vol, accesso negato -

E le cose vanno avanti cosi', con una serie di grugniti in russo
(probabilmente imprecazioni), mentre cerca un cacciavite nella borsa degli attrezzi,
e la porta che lo minaccia - prova a svitarmi le cerniere e ti faccio causa -

Chi mai l'ha montata quella porta con congegno omeostatico?

(e' tutto uno scherzo, in CandidCamera.
la voce della porta e' quella della Ally)

Madame se la ghigna. Ecco una visione del futuro.


Offline Mannelig

  • Nibble
  • **
  • Post: 14
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
Re:ad un passo da skynet
« Risposta #8 il: 15 Ottobre 2019, 00:09:58 »
Che dite l’intero sistema girerà su AmigaOS x86?


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Offline saimon69

  • Guru
  • *****
  • Post: 1765
  • Karma: +23/-3
  • Web Dev e musicista da camera (da letto)
    • Mostra profilo
    • binarydoodles Blog
Re:ad un passo da skynet
« Risposta #9 il: 15 Ottobre 2019, 01:04:35 »


Siamo nel 2019 ed il calcolo del 2025 e' solo una previsione statistica basata su stime riguardo il progresso tecnologico a breve termine, ma anche a fattori sociali e culturali, che considerano p.e. che l'auto elettrica e' stata pensata negli anni 80, prototipizzata p.e. nel Regno Unito con la "Sinclair C5", un veicolo elettrico a batteria ideato da Sir Clive Sinclair e commercializzato a partire dal 10 gennaio 1985, ma che non ebbe affatto successo commerciale sia perche' la tecnologia non permetteva piu' di tanto, sia perche' la gente non ci credeva piu' di tanto.


Come ex-spectrumista con la c5 sfondi una porta aperta! La cosa peggiore e' averla fatta SCOPERTA (per tagliare i costi, penso) in un posticino con un tempo meteo stupendo come la Gran Bretagna; avessero aggiunto un tettino penso ne avrebbero vendute almeno il doppio (sempre poche)
AROS : mica bau bau micio micio =^x^=

Offline legacy

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 5152
  • Karma: +14/-2
    • Mostra profilo
Re:ad un passo da skynet
« Risposta #10 il: Oggi alle 02:50:18 »
Che dite l’intero sistema girerà su AmigaOS x86?

Chi puo' dirlo? Il futuro potrebbe regalarci soprese che nemmeno immaginiamo. Proprio Oggi hanno droppato di sana pianta un paio di piattaforme OpenBSD; e non l'avrei mai detto, anzi ancora non ci credo, ma e' successo davvero, sta scritto nel changelog, e da quel che si legge pare ce lo stesso pescecorazzato ormai (a parte usi militari di super nicchia)... sembri una trota, anzi una carpa, di quelle che non si fila nessuno.

E Linux? Da come si stanno mettendo gli ultimi git-pull, non e' l'interesse sia piu' come un tempo. Certo, tutti a smanettare nelle fila intel (perche' intel ci mette la grana), tutti a smanettare nelle fila Power9 (perche' IBM, e Darpa ci mettono la grana), pero' il resto sta cadendo a pezzi e c'e' sempre meno gente che abbia voglia di metterci mano.

Mi sono sempre chiesto: che fine fara' Linux tra 10 anni? Perche' negli ultimi 20 e' diventato qualcosa di totalmente ingestibile senza Git &C, ma con tutta la roBBa che stanno aggiungendo anche le git-bisect stanno diventando ingestibili.



Tags: