Autore Topic: Perchè non si fa un bel C.C.C. tutto italiano, fatto da hackers italiani???  (Letto 1986 volte)

Offline sys64738

  • Byte Addicted
  • ****
  • Post: 60
  • Karma: +5/-0
    • Mostra profilo
Leggevo qualche tempo fa degli articoli, vi metto qui un link tra i tanti

http://punto-informatico.it/4267967/PI/Commenti/cassandra-crossing-ccc-iii.aspx

Si tratta di un incontro, il Chaos Communication Camp, organizzato credo in Germania, non vorrei sbagliarmi, che dura 5 giorni. Tecnologia ed hacking full-immersion :) Precisamente, nel 2015 si è tenuto a Ziegeleipark.
Sembra che si siano stati trattati diversi argomenti, Car Hacking ad esempio, ed oltre "5500 hacker, figli di hacker, mogli o mariti di hacker e simpatizzanti vari..." cito testualmente.
C'è in noi Italiani questa voglia di cultura 'estrema', questo vivere l'hacking, incontrarsi, sperimentare, e via discorrendo?
Devo dire che ammiro chi organizza cose del genere, e mi fa piacere sapere che riescano ad attirare tanti appassionati. Secondo voi, si riesce qui in Italia a fare cose del genere? O...ci si riuscirà mai? Oppure no?
Credo che investire nella tecnologia sia importante. E mi sa che in Italia si fa sempre troppo poco.
In ciascuno di noi esiste un "codice".Il codice non è quello che siamo ma è quello che possiamo fare. E' il nostro potenziale!

Offline Allanon

  • Administrator
  • Synthetic Voodoo
  • *****
  • Post: 3497
  • Karma: +17/-4
    • Mostra profilo
    • http://www.a-mc.biz
Io non sono mai stato a questi eventi, e in Italia non so neanche se esistano, credo che siamo un p' portati a questo genere di cose dove è necessaria una certa fantasia e inventiva :)
Ho trovato in rete diversi appassionati, specie in ambito circuit bending, che non è proprio una roba scientifica e tecnica ma è comunque una ricerca e sperimentazione che ha il suo fascino  :D
Credo che con la giusta pubblicità e un certo numero di eventi programmati potrebbe avere un certo seguito

Offline TheKaneB

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 5292
  • Karma: +20/-23
    • Mostra profilo
    • http://www.antoniobarba.org
Sarebbe un bell'evento. Credo che di gente preparata ce ne sia tanta in Italia, ma forse ci sono pochi eventi strutturati

AmigaCori

  • Visitatore
Sarebbe un bell'evento. Credo che di gente preparata ce ne sia tanta in Italia, ma forse ci sono pochi eventi strutturati

Quoto, altrimenti non potrebbero esserci "cervelli che fuggono" ^^ in "strutture migliori" adatte ad ospitare quei cervelli.


Offline Nonefonow

  • Guru
  • *****
  • Post: 1974
  • Karma: +36/-3
    • Mostra profilo
  • c'era anche la vera Trinity, che e' greca e preferisce farsi chiamare "Venom", - problema di identità multiple - sostiene la polla (pepsicologa), mentre io penso semplicemente che sia dovuto al fatto che ha passato delle certificazioni CISCO miliari e robe strane
Problema opposto fra le signore emancipate che prendono certificati diplomi lauree varie prima di sposarsi, poi non vogliono cambiarsi il nome perche' diventa una bega rincorrere e cambiare tutta la documentazione.


Offline saimon69

  • Guru
  • *****
  • Post: 1826
  • Karma: +23/-3
  • Web Dev e musicista da camera (da letto)
    • Mostra profilo
    • binarydoodles Blog
Sarebbe un bell'evento. Credo che di gente preparata ce ne sia tanta in Italia, ma forse ci sono pochi eventi strutturati

Quoto, altrimenti non potrebbero esserci "cervelli che fuggono" ^^ in "strutture migliori" adatte ad ospitare quei cervelli.

anche perche' non riesco proprio a pensare che il meglio che la cultura hacker in italia abbia prodotto sia stato Hackerino che andava a intrufolarsi nella BBS Byte/BIX con un amiga 500 1.3+term e che si caga addosso appena il sysop gli dice "ti sto tracciando" rispondendo con un coreografico "STACCA! STACCA!!!" che starebbe bene in wargames...



AROS : mica bau bau micio micio =^x^=

Offline Nonefonow

  • Guru
  • *****
  • Post: 1974
  • Karma: +36/-3
    • Mostra profilo

e non e' una a cui piace riempire scartoffie, difatti c'e' dietro lei al MOTD "our hardware is protected by durex" finito in una grossa istallazione CISCO
(era visibile in una sua slide, gente che ghignava, lei e' arrossita, ci ha fatto il dito per mostrarci l'anello dell'oca, ed e' andata avanti)

Altra constatazione che la scienza scienziata ha problem ha spiegare.  Il DOS 6.22 veniva con un libro di 300+ pagine.
   8) 

Windows 10 ha solo la quick guide.   :(

E Linux?  Ma c'e' il manual Linux stampato?  :o   :o  O si trova solo nei meandri oscuri della rete, semi offuscato dalle nuvole dei ritrovi sociali? 

Ma esiste l'algoritmo che simula il contatto umano. Come si puo' essere sociali ognuno nel suo cubicolo?

Offline sys64738

  • Byte Addicted
  • ****
  • Post: 60
  • Karma: +5/-0
    • Mostra profilo
Chissà perchè il mondo degli informatici è così strano. Perchè non deve esistere un ordine degli Informatici, così come esiste quello di altre figure professionali (avvocati, medici, ingegneri etc)
Un Ordine degli Informatici garantirebbe meglio queste figure professionali. Verrebbero regolamentate le paghe minime ad esempio. Si potrebbe gestire il problema INPS. Spesso la carriera dell'informatico è rocambolesca. Sottopagati, o anche quando ben pagati, è difficile per un informatico rimanere sulla cresta dell'onda, rimanere professionalmente competitivo ma alla pensione ci si dovrebbe arrivare o no??? O si abbattono prima? ;)
Oggi, al di là di un titolo di studio come una laurea, che può aver dietro una reale preparazione (ma anche no, purtroppo)  esistono solo le certificazioni per attestare determinate competenze.
Perchè? Perchè non si riesce a regolamentare questo aspetto del mondo informatico? Perchè non si riesce a stabilire se e quanto è davvero preparato qualcuno? E tutelarlo come è giusto che sia. Possibile che non si riesca a pensare come realizzare un esame di abilitazione per informatici? E' così difficile???
Ed il mondo degli hackers è ancora più nebuloso.
Non si sa bene se gli hackers siano degli smanettoni o semplicemente dei deliquenti informatici (o presunti tali)
Non esiste la convinzione che gli hackers siano persone che sperimentano, che smontano, che rimontano, che trovano ed a volte sistemano anche bug informatici seri, che hanno o che possono avere una valenza sociale importante.
E per stabilire se qualcuno è un hacker o no? O magari un buon hacker o un lamer? Perchè non esiste un iter formativo serio, riconosciuto, condiviso che possa portare luce in questo mondo oscuro? Che possa in qualche modo dare delle regole in questo Far West? E poi, l'Italia, da popolo di navigatori, di poeti, di artisti etc perchè non può diventare anche un popolo di informatici, di hackers? Perchè nel PIL Italiano non possiamo annoverare anche il contributo di queste figure professionali? Perchè dobbiamo sempre imparare dagli altri? C.C.C. e via discorrendo....
Che ne pensate voi? Ci vuole almeno un altro post vero? ;)
A volte mi sembra che fare l'informatico sia come fare un pò il missionario. E dico spesso tra me e me "L'informatica è come il crimine. Non paga!"  ;D
« Ultima modifica: 02 Ottobre 2015, 00:05:06 da sys64738 »
In ciascuno di noi esiste un "codice".Il codice non è quello che siamo ma è quello che possiamo fare. E' il nostro potenziale!

Offline Nonefonow

  • Guru
  • *****
  • Post: 1974
  • Karma: +36/-3
    • Mostra profilo
comprensibile, c'era gente pagata per scrivere libri, documentazione, disegnini

La sicurezza per il lavoro ha ucciso l'idea della condivisione delle conoscenze. Chi sa non scrive e chi scrive non sa.


TWC (Time Warner Cable) dice:
50/5Mbps
For multiple devices using the same connection, this should be your minimum choice of speed. Great for streaming movies and gaming.

I test riportano

1 - di utenza
2 - di velocita'






Offline sys64738

  • Byte Addicted
  • ****
  • Post: 60
  • Karma: +5/-0
    • Mostra profilo
Ho proprio toccato un argomento molto dibattuto, un problema veramente sentito un pò da tutti... ;)
In ciascuno di noi esiste un "codice".Il codice non è quello che siamo ma è quello che possiamo fare. E' il nostro potenziale!

Offline devil78

  • ASM Lover
  • *****
  • Post: 417
  • Karma: +7/-2
  • Le chiavi per il futuro risiedono nel passato...
    • Mostra profilo
Qiando acquistavo SuSE Linux avevo due Tomi da 350 pagine cadauno. Almeno fino alla versione 9.3. Poi fu la volta di Novell et, Voillà, addio manuali cartacei che, ad ogni modo, rimangono disponibili in PDF basta solo installarli... se poi siete volenterosi potreste optare per le versioni LaTex !!! ;)
Il creatore ha dato poco spazio all'intelligenza per far posto alla stupidità!!!

Offline Nonefonow

  • Guru
  • *****
  • Post: 1974
  • Karma: +36/-3
    • Mostra profilo
I manuali in PDF sulla rete sono particolarmente utili quando si cerca di risolvere i problemi riguardanti le connessioni etere.    :o :o :o

Offline Nonefonow

  • Guru
  • *****
  • Post: 1974
  • Karma: +36/-3
    • Mostra profilo
Comunque un vero hacker c'ha a disposizione un paio di 2 o 3 PC per surfeggiare nella tela.

Tags: