Autore Topic: Addio, Steve Jobs ed Apple.  (Letto 13522 volte)

Offline Mabo

  • Nerd
  • *****
  • Post: 608
  • Karma: +1/-26
  • Buon Nasale!
    • Mostra profilo
Re: Addio, Steve Jobs ed Apple.
« Risposta #60 il: 08 Ottobre 2011, 22:42:25 »
Citazione da: "dsar"
I centri assistenza Apple sono pienissimi per hardware malfunzionante :P

A me sembrano che stiano più su ebay  :lol:

Cerca powerbook g4 non funzionante  :oops:
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »
Daniele Garzelli è il nuovo Santone di Amigaos. Così diciamo tutti!

" qui non si fanno distinzioni razziali, qui si rispetta gentaglia come negri, ebrei, italiani o messicani! Qui vige l'eguaglianza: non conta un cazzo nessuno! " (Sergente Hartman)

Offline divina

  • Synthetic Voodoo
  • *****
  • Post: 2051
  • Karma: +1/-7
    • Mostra profilo
Re: Addio, Steve Jobs ed Apple.
« Risposta #61 il: 08 Ottobre 2011, 22:45:30 »
@dasr
io capisco il punto di vista tecnico, ma anche tu devi venirmi incontro :) ovvero, il mondo non ha bisogno di un genio tecnico dietro l' altro (anzi ne avrebbe bisogno :) ), anche perchè sovente non sono sufficientemente pratici (prendi l' altro Steve suo amico, socio, lui non sarebbe stato in grado di vendere il prodotto, da sua stessa ammissione)
In soldoni quello che intendo dire è che a livello pratico ad averlo un altro genio di marketing come Steve Jobs ! certo meglio averne più lato tecnico (non vi è dubbio), ma se non hai anche pochi ma buoni lato marketing, nulla o poco nulla ottieni lato pratico.
Cmq vediamo ora senza Steve Jobs, cosa saprà fare Tim Cook e come si organizzerà Apple così dipendente da Steve Jobs ...
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »
MorphOS 3.9-PowerMac G5 && PowerMac G4 FW800 && PowerBook G4 && Pegasos2 G4 //AmigaOS4.x //IcAROS x86 //- A4k 060- MacIntel/powerpc - x86/x64/powerpc servers -

Offline divina

  • Synthetic Voodoo
  • *****
  • Post: 2051
  • Karma: +1/-7
    • Mostra profilo
Re: Addio, Steve Jobs ed Apple.
« Risposta #62 il: 08 Ottobre 2011, 22:51:03 »
Citazione da: "Mabo"
Cerca powerbook g4 non funzionante  :oops:

infatti è l' hardware più "delicato" lato PowerPC G4 Apple Macintosh
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »
MorphOS 3.9-PowerMac G5 && PowerMac G4 FW800 && PowerBook G4 && Pegasos2 G4 //AmigaOS4.x //IcAROS x86 //- A4k 060- MacIntel/powerpc - x86/x64/powerpc servers -

Offline lucommodore

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 6176
  • Karma: +48/-9
    • Mostra profilo
Re: Addio, Steve Jobs ed Apple.
« Risposta #63 il: 08 Ottobre 2011, 22:53:48 »
Citazione da: "cdimauro"
Citazione da: "lucommodore"
La full retail del MacOS costa 29 euro; la full retail di Win costa + di 5 volte tanto.
Eh, no, questo non può passare così.

Apple si può permettere di venderlo a quel prezzo perché ha attinto a piene mani dall'open source per il kernel, Safari, e per una montagna di altra roba.

Microsoft produce interamente da sé Windows.

Il paragone di prezzo, pertanto, è del tutto campato per aria. Quando Apple produrrà da sé tutto, come fa Microsoft, allora avrà un po' di senso fare un confronto fra i prezzi.

Vero compare!  
Così come si potranno fare paragoni di prezzi quando Asus userà materiali simili a quelli di Apple per le scocche dei suoi computer o quando i portatili Acer avranno monitor e tastiere validi come quelli Apple. O quando Toshiba imparerà a "comunicare" all'utenza investendo denaro che inciderà sul prezzo dei suoi prodotti ecc.
Non è così semplice, né da una parte né dall'altra; il compare Seiya ad esempio considera sempre e solo l'HW di un computer, la cura di Apple nel design ha senz'altro un costo molto alto che per forza di cose incide sul prezzo, così come incide sul prezzo la quantità di personale assunto direttamente dalla Apple e messo a disposizione dei suoi clienti. Esiste un qualche Dell-Store? Microsoft-shop?
Anche se la differenza di prezzo tra i due OS deriva da ciò che hai riportato tu, la differenza di prezzo c'è di brutto. Se la Mela fosse una moda magica allora poteva farlo pagare uguale a Win speculandoci pesantemente perché  in ogni caso come sia stato creato Win o MacOS per l'utenza conta meno del 2 di briscola.
Un "prodotto" è sempre ben di più dell'oggetto che è in sè: ci sono 100.000 fattori da considerare, non 1 o 2.


Citazione da: "dsar"
Citazione da: "lucommodore"
Cose così ad esempio, 1000 cose così:
[...]
Non ti bastano?
Che uomo geniale (ironia)
Sì infatti. Forse il N.1 di sempre. Anche se non nel campo che piace a te.

Citazione da: "dsar"
Ok, ho afferrato ciò che intendi, sì.. era abile ed aveva un fortissimo carisma, anche se io preferirei riservare il termine genio ad altre persone :-)
Appunto. :mrgreen:
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »
Solo chi è folle sfida le sue molle!
http://www.questolibro.it/retro-garage << Scambio/Vendo RetroGame

Offline lucommodore

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 6176
  • Karma: +48/-9
    • Mostra profilo
Re: Addio, Steve Jobs ed Apple.
« Risposta #64 il: 08 Ottobre 2011, 22:59:23 »
Citazione da: "dsar"
Tim Cook non è stato scelto a caso: nome è orecchiabile (importante se deve essere divinizzato), somiglianza con Steve Jobs, stesse espressioni.

Ci ho fatto caso solo io?
Lo ha scelto proprio Zio Steve. Probabilmente ci sono molte affinità :think:
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »
Solo chi è folle sfida le sue molle!
http://www.questolibro.it/retro-garage << Scambio/Vendo RetroGame

Offline divina

  • Synthetic Voodoo
  • *****
  • Post: 2051
  • Karma: +1/-7
    • Mostra profilo
Re: Addio, Steve Jobs ed Apple.
« Risposta #65 il: 08 Ottobre 2011, 23:00:24 »
Citazione da: "dsar"
Citazione da: "divina"
Cmq vediamo ora senza Steve Jobs, cosa saprà fare Tim Cook e come si organizzerà Apple così dipendente da Steve Jobs ...
Tim Cook non è stato scelto a caso: nome è orecchiabile (importante se deve essere divinizzato), somiglianza con Steve Jobs, stesse espressioni.

Ci ho fatto caso solo io?

concordo, però ancora non riesco ad inquadrarlo bene, mi pare molto più costruito come personaggio, non così naturale, ironico, trascinante ... poi è gay dichiarato, può essere interessante questo particolare a tuo parere ?
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »
MorphOS 3.9-PowerMac G5 && PowerMac G4 FW800 && PowerBook G4 && Pegasos2 G4 //AmigaOS4.x //IcAROS x86 //- A4k 060- MacIntel/powerpc - x86/x64/powerpc servers -

Offline rebraist

  • Nerd
  • *****
  • Post: 946
  • Karma: +13/-1
    • Mostra profilo
Re: Addio, Steve Jobs ed Apple.
« Risposta #66 il: 08 Ottobre 2011, 23:16:02 »
senza entrare nel rapporto prezzo/qualità che per me è totalmente perdente, mi soffermo velocemente sul discorso "penetrazione mediatica" del prodotto apple.
Non è solo in questi giorni che si assiste al "steve jobs inventore del tutto". E'da quando sono piccolo che è così. Gli mp3 reader l'ha inventati lui, i portatili li ha inventati lui, i sistemi gui li ha inventati lui... Guarda caso se chiedi a un fanboy deficiente di medio livello ti confermerà tutto. Ma il fanboy io lo giustifico: è tale e come tale è deficiente. Non è colpa sua. Il problema vero è che ha contribuito (da sempre) una certa parte della stampa. Fino a qualche anno fa (parlo dell'Italia era qualcosa che gravitava intorno al gruppo de l'Espresso (repubblica per capirci). Ogni volta era un'occasione per lodare questo novello leonardo per roba che esisteva da 10 anni sul mercato ma, chiaramente, il giornalista radical chic che non era mai andato all'ipercoop a comprare un mp3 reader huawei ma che frequentava l'asettico negozio apple non fosse altro che perchè conosceva il significato della sigla dtp si ritrovava con la sua "novità" come se non fosse mai esistita la musica digitale prima di quel momento. Soggetti come i redattori di repubblica prima, del corriere poi e del giornale infine sono gente da mandare a ripetizione perchè non hanno minimamente idea del mondo reale.
Apple ha saputo che carte giocare: non le masses ma le classes. Perchè sono quelle che tirano il carro. Dopodichè è chiaro che nasce la moda. E'vero, si è preso il 10% del mercato desktop, ma non è riuscito ad andare oltre. E se l'è preso non per la bontà del suo osx che esisteva da 10 anni e nessuno continuava a non filarselo, ma perchè trainato da iphone e ipod e ipad e ipud. E' di qualche giorno fa che si parlava della reazione simil religionaria dell'utente medio apple (forse era il corriere)? Ciò lascia molto pensare. E, a me, rabbrividire.
edit: il fatto che tim cook sia gay è rilevante per quella frangia mediatica radical chic. Lo dico senza polemiche, dato che per me è semplicemente una "peculiarità" della persona. Per la media dei media della east coast un punto a suo vantaggio...
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »
Amigaos spacca.
Aros rulla.
Morphos corre di brutto.
Sinceramente, non vorrei che mio figlio facesse amicizia con uno di questi tre tipacci.
Dottore:lei é uno di quelli che si potrebbero definire nerd...
Io: dottò, lo so di mio. Sono pure iscritto a 'n'forum...
Dottore: su internet?
Io: no a rete 4

Offline divina

  • Synthetic Voodoo
  • *****
  • Post: 2051
  • Karma: +1/-7
    • Mostra profilo
Re: Addio, Steve Jobs ed Apple.
« Risposta #67 il: 08 Ottobre 2011, 23:30:18 »
Citazione da: "rebraist"
edit: il fatto che tim cook sia gay è rilevante per quella frangia mediatica radical chic. Lo dico senza polemiche, dato che per me è semplicemente una "peculiarità" della persona. Per la media dei media della east coast un punto a suo vantaggio...

è questo il punto che intendevo, ho l' impressione che l' icona gay dichiarata sia stata scelta volutamente (per quella radical chic) che citi ... però come carisma etc ... non mi convince al momento
In ogni caso, capperi di Apple :D
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »
MorphOS 3.9-PowerMac G5 && PowerMac G4 FW800 && PowerBook G4 && Pegasos2 G4 //AmigaOS4.x //IcAROS x86 //- A4k 060- MacIntel/powerpc - x86/x64/powerpc servers -

Offline lucommodore

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 6176
  • Karma: +48/-9
    • Mostra profilo
Re: Addio, Steve Jobs ed Apple.
« Risposta #68 il: 09 Ottobre 2011, 00:07:58 »
Citazione da: "dsar"
Quindi anche se Tim Cook farà dei pessimi keynote, non cambierà la situazione attuale.. anzi con la morte di Steve Jobs si è messa in giro tanta di quella disinformazione su Apple che le prossime vendite faranno il boom :-(
Però la sera prima della morte dello Zio le azioni della mela son scese di oltre il 4%... Non sarei così convinto..

Citazione da: "rebraist"
senza entrare nel rapporto prezzo/qualità che per me è totalmente perdente, mi soffermo velocemente sul discorso "penetrazione mediatica" del prodotto apple.
Non è solo in questi giorni che si assiste al "steve jobs inventore del tutto". E'da quando sono piccolo che è così. Gli mp3 reader l'ha inventati lui, i portatili li ha inventati lui, i sistemi gui li ha inventati lui... Guarda caso se chiedi a un fanboy deficiente di medio livello ti confermerà tutto. Ma il fanboy io lo giustifico: è tale e come tale è deficiente. Non è colpa sua.
Non t'offendere compare ma l'antifan è deficente almeno quanto il fanboy (io sono assolutamente un fan).
Inoltre non è che alla Apple son stron*i e tutti gli altri santi, ci provan tutti. Solo che Apple ha più successo al momento.

Citazione da: "rebraist"
Il problema vero è che ha contribuito (da sempre) una certa parte della stampa. Fino a qualche anno fa (parlo dell'Italia era qualcosa che gravitava intorno al gruppo de l'Espresso (repubblica per capirci). Ogni volta era un'occasione per lodare questo novello leonardo per roba che esisteva da 10 anni sul mercato ma, chiaramente, il giornalista radical chic che non era mai andato all'ipercoop a comprare un mp3 reader huawei ma che frequentava l'asettico negozio apple non fosse altro che perchè conosceva il significato della sigla dtp si ritrovava con la sua "novità" come se non fosse mai esistita la musica digitale prima di quel momento. Soggetti come i redattori di repubblica prima, del corriere poi e del giornale infine sono gente da mandare a ripetizione perchè non hanno minimamente idea del mondo reale.
Apple ha saputo che carte giocare: non le masses ma le classes. Perchè sono quelle che tirano il carro. Dopodichè è chiaro che nasce la moda. E'vero, si è preso il 10% del mercato desktop, ma non è riuscito ad andare oltre. E se l'è preso non per la bontà del suo osx che esisteva da 10 anni e nessuno continuava a non filarselo, ma perchè trainato da iphone e ipod e ipad e ipud. E' di qualche giorno fa che si parlava della reazione simil religionaria dell'utente medio apple (forse era il corriere)? Ciò lascia molto pensare. E, a me, rabbrividire.
Qui dimostri di essere un po' ingenuo...
La stampa non è più qualcosa che scaturisce dalla mente/penna dei giornalisti. Sono 20anni che le aziende inviano direttamente i testi da pubblicare alle redazioni, si chiamano publiredazionali e vengono firmati generalmente o "La Redazione" o addirittura con il nome dell'impiegato dell'azienda committente o dell'addetto dell'ufficio stampa a cui s'appoggia.
L'ultima rivista davvero "libera" che ho letto nella mia vita fu ZZap! e anche quella verso la fine aveva ceduto largamente.
Poi tu dici rdical chic, roba per ricchi, ecc... Fendi fa roba radical chic solo per ricchi e una borsa Fendi costa migliaia di euro anziché decine pur essendo made in Asia... Se fosse come dici tu la differenza tra un Mac e un PC sarebbe ben diversa da poche centinaia di euro e allora sì che sarebbe roba esclusivamente per le "classes".
Non ci siamo davvero.  :naughty:

@tutti
sull'omosessualità di Cook non mi esprimo perché sennò mi faccio bannare per un lustro.
Ricordo solo a tutti che siamo quasi nel 2012.
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »
Solo chi è folle sfida le sue molle!
http://www.questolibro.it/retro-garage << Scambio/Vendo RetroGame

Offline TheKaneB

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 5292
  • Karma: +20/-23
    • Mostra profilo
    • http://www.antoniobarba.org
Re: Addio, Steve Jobs ed Apple.
« Risposta #69 il: 09 Ottobre 2011, 00:17:07 »
Citazione da: "lucommodore"
@tutti
sull'omosessualità di Cook non mi esprimo perché sennò mi faccio bannare per un lustro.
Ricordo solo a tutti che siamo quasi nel 2012.

Beh, per essere ben ricordato, un personaggio deve presentare necessariamente qualche carattere distintivo. Steve aveva molti caratteri "particolari" totalmente distanti dalla cultura americana, ad esempio era Vegan (Fruttariano per la precisione), Buddista e aveva una profonda sindrome dell'abbandono (se avesse ricevuto più amore da piccolo, probabilmente non sarebbe stato così incaxxato col mondo e determinato a conquistarlo e sarebbe diventato uno qualsiasi).

L'essere omosessuale, di per sè, è una caratteristica molto meno particolare di quelle di Steve, e non credo sia sufficiente a dipingere una figura "particolare" che sia distintiva per l'immagine del frontman. Come dice giustamente lucommodore, siamo nel 2012 e l'omosessualità, almeno nel mondo dello spettacolo, non fa più molta notizia e la gente inizia a non scandalizzarsi più (per fortuna).
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »

Offline Z80Fan

  • Administrator
  • Guru
  • *****
  • Post: 1671
  • Karma: +13/-2
    • Mostra profilo
    • http://z80fan.altervista.org
Re: Addio, Steve Jobs ed Apple.
« Risposta #70 il: 09 Ottobre 2011, 12:22:05 »
http://www.thestreet.com/story/11270641 ... under.html (via Appunti Digitali)

Avevo azzeccato il paragone con Walt Disney! :)
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »

Offline lucommodore

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 6176
  • Karma: +48/-9
    • Mostra profilo
Re: Addio, Steve Jobs ed Apple.
« Risposta #71 il: 09 Ottobre 2011, 13:12:44 »
Citazione da: "Z80Fan"
http://www.thestreet.com/story/11270641/1/apple-like-disney-will-survive-death-of-founder.html (via Appunti Digitali)

Avevo azzeccato il paragone con Walt Disney! :)

Già compare, in molti sensi, anche a me sembra il paragone più calzante.
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »
Solo chi è folle sfida le sue molle!
http://www.questolibro.it/retro-garage << Scambio/Vendo RetroGame

Seiya

  • Visitatore
Re: Addio, Steve Jobs ed Apple.
« Risposta #72 il: 09 Ottobre 2011, 13:19:10 »
E' l'osannamento dell'uomo che non va bene.

Anchio ho i miei idoli, ma se crepano, mi dispiace, ma non vado sui forum a fare la figura da esaltato.
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »

Offline TheKaneB

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 5292
  • Karma: +20/-23
    • Mostra profilo
    • http://www.antoniobarba.org
Re: Addio, Steve Jobs ed Apple.
« Risposta #73 il: 09 Ottobre 2011, 13:37:39 »
Citazione da: "Seiya"
E' l'osannamento dell'uomo che non va bene.

Anchio ho i miei idoli, ma se crepano, mi dispiace, ma non vado sui forum a fare la figura da esaltato.

Idem :-)
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »

Offline lucommodore

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 6176
  • Karma: +48/-9
    • Mostra profilo
Re: Addio, Steve Jobs ed Apple.
« Risposta #74 il: 09 Ottobre 2011, 13:57:12 »
Citazione da: "TheKaneB"
Citazione da: "Seiya"
E' l'osannamento dell'uomo che non va bene.

Anchio ho i miei idoli, ma se crepano, mi dispiace, ma non vado sui forum a fare la figura da esaltato.

Idem :-)

Ok compari ma sono esagerazioni abbastanza naturali...
Cioè, io la trovo una cosa molto umana, non "esatta" ma umana: al sermone del funerale di Pinco Pallo, che magari era un mezzo delinquente, mica ne parlano male.
Qua si tratta dello Zio Steve, una sorta di rockstar a livello planetario...
Sarò di parte ma a me non infastidisce chi esagera nel parlarne bene, anche se scrive castronerie. Mi dispiace molto invece vedere accanimento o addirittura rabbia nei confronti di un grande personaggio (a suo modo, certamente) che non c'è più.  :(
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »
Solo chi è folle sfida le sue molle!
http://www.questolibro.it/retro-garage << Scambio/Vendo RetroGame

Tags: