NSA - Non Solo Amiga

MONDO & UOMO => Scienza & Tecnologia => Topic aperto da: cdimauro - 19 Febbraio 2015, 18:21:35

Titolo: home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 19 Febbraio 2015, 18:21:35
Visti i ripetuti OT in altri thread, la discussione in oggetto continua qui, per chi vuol partecipare.

Per il momento mi limito a rispondere all'ultimo commento di Nonefonow (http://www.nonsoloamiga.com/index.php?topic=3027.msg55638#msg55638).

X cdimauro.
A)Se non hai letto il commento di lucommodore ti sara’ difficile capire a cosa mi stavo riferendo.
Non lo leggo né m'interessa, come ho già detto. Tra l'altro son cose che abbiamo già discusso in passato, per cui non avrebbe aggiunto nulla alla discussione.

Comunque ho risposto alla parte in questione anche prendendo il link che tu stesso avevi riportato.
Citazione
Il resto dei tuoi commenti sono fuori contesto.
Non semplicemente perché lo dici tu. Se sono fuori contesto lo puoi benissimo dimostrare, no?
Citazione
B)Non peccare di presunzione e credere che tutto sia indirizzato personalmente a te.
Non mi pare di averlo fatto. Ma, anche qui, puoi sempre quotarmi e dimostrarlo.
Citazione
Come in questo caso avrei usato il X.  I miei erano commenti generali basati su quello che era stato scritto da tutti (includendo te) in precedenza.
E' un forum: ognuno risponde se ritiene di poter dire qualcosa riguardo alla discussione.
Citazione
C)Neache io ho detto che era facile e’ solo perche' tu usi gli emulatori
Sì, per quel che c'è disponibile. Macchine reali ormai non ne ho più, perché quel che avevo l'ho donato a un museo.
Citazione
e non i veri PC.
Computer, in generale. Non m'interessano soltanto i PC; con questi ci lavoro tutti i giorni.

Per il resto se c'è qualcosa che non va in quanto avevo scritto in merito all'argomento di questo nuovo thread, sei libero di quotarmi e rispondermi nello specifico.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: lucommodore - 19 Febbraio 2015, 18:39:31
Concordo con legacy, infatti non si tratta di definizioni universali ma di espressioni utilizzate per comodità.
Inoltre, ai bei tempi d'oro, tali espressioni erano ad uso e consumo del marketing delle varie aziende che utilizzavano "home" o "personal" per mandare ai prospect messaggi atti "vendere" e non certo a "definire" o a "catalogare".
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: TheKaneB - 19 Febbraio 2015, 18:40:21
Hai vinto :)
Io comunque sono cresciuto su libri antiquati dove I termini home e personal spesso erano usati in modo intercambiabile, mentre in epoca successiva ho adottato la stessa naming convention che usa anche Cesare (cdimauro).
Ho sempre ritenuto improprio l'appellativo 'personal' usato dal marketing di Commodore relativamente al modello c64c.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: lucommodore - 19 Febbraio 2015, 18:50:15
Ho sempre ritenuto improprio l'appellativo 'personal' usato dal marketing di Commodore relativamente al modello c64c.
Ai tempi erano praticamente TUTTI dei "Personal Computer", pure lo Spectrum e l'Amstrad CPC...

Quel C.P.C. , infatti, stava per "Colour Personal Computer":
(http://4.bp.blogspot.com/_JDeI1xnLLiU/TMU1TlTN16I/AAAAAAAAARE/NSbOwBY8ZoA/s1600/amstrad_cpc464_box.jpg)

 ;)
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: AmigaCori - 19 Febbraio 2015, 18:58:37
Io ho sempre saputo che l'A500 era la "Maserati degli home computer" perche' cio' c'era sctitto sul manuale.

Mi son sempre chiesto cosa diavolo fosse un home computer, davvero, anche se avevo solo 11 anni per me IL computer era il C64, poi fecero IL 128, e poi L'Amiga. °_°

C64, C128 erano "computer" ed Amiga 500 un "home computer"? perche'???...mah...forse perche' e' piccolo ed economico?, ecco, si...e' un computer piccolo, economico, per la famiglia, quindi un home computer. E' la giustificazione che mi diedi in quella tenera eta'. :D

Pero' a dire il vero per me l'A500 era un computer, anzi IL computer perche' quegli scatolotti Olivetti (quelli avevo visto) erano antichi, a toni di verde e senza mouse... °_° brutti insomma :D

La definizione di legacy mi piace ^^

Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 19 Febbraio 2015, 19:10:04
C'e' molta verita' in quello che dice Legacy.
 
Infatti il termine "Personal Computer" era proprio utilizzato per indicare quei computers che erano adibiti a uso personale.  Ci si poteva fare cose a livello personale.  La Commodore (Commodore Business Machines) nella meta' degli anni 70 uso' il termine molto intelligentemente per separare i suoi prodotti da quelli dell' IBM (Industrial Business Machines).
 
Eventualmente IBM e altre aziende entrarono nel mercato con le loro versioni del "Personal Computer".  Tutti i computer fino alla fine degli anni 80 erano (e sono) "personal" per separarli da quelli "industrial". 
 
Il termine e' rimasto generalmente in uso fino a quando lo standard IBM (X86) prese il sopravvento e inizio la dualita' PC / Apple. Questa restrizione del termine "Personal Computer " abbreviata PC era (ed e') generalmente solo per indicare un computer non Apple.
 
Generalmente parlando I termini "Home Computer" e "Personal Computer" sono intercambiabili. 
 
Ma catalogare il C64 (e simili) nell'insieme "Home Computer" per differenziarlo, p.e., da un Amiga che sarebbe un "Personal Computer" non e' accurato e non riflette i vari periodi storici ne' l'intento dell'industria di Computers.
 
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: AmigaCori - 19 Febbraio 2015, 19:18:11

Ma catalogare il C64 (e simili) nell'insieme "Home Computer" per differenziarlo, p.e., da un Amiga che sarebbe un "Personal Computer" non e' accurato e non riflette i vari periodi storici ne' l'intento dell'industria di Computers.

La Commodore chiamava l'Amiga500 "home computer", non personal. Almeno qui in Italia.


EDIT:
Preso da dubbio sono andato a cercare il vetustissimo manuale dell'A500 e dice "Maserati dei microcomputers"  :-\ hahaha

Ecco, quindi ci sono gli Home, Personal, Micro :D
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 19 Febbraio 2015, 19:21:51
La distinzione, però, c'è e rimane. Ci sarà un motivo per cui C64, 128, ZX Spectrum, ecc. erano e si trovano catalogati come "home computer", mentre PC, Macintosh, Amiga, Atari ST, ecc. come "personal computer"? Questo succede perché identificano due diverse classi di computer, anche se a cavallo fra la fine degli '70 e i primi anni '80 c'era molta confusione e una commistione / scambio dei termini.

Come già detto, se si sposta il C64 dall'insieme degli home a quello dei personal (che si trovavano pure a casa! Non è che uno se lo comprava e lo teneva soltanto in ufficio) allora si deve fare lo stesso anche con gli altri suoi "simili". Risultato: l'insieme degli home diventa vuoto, e rimane soltanto quello dei personal. Non sense. E' ovvio che sono tutti computer!

Se i due termini sono stati creati e sono ancora usati per classificare le macchine, è perché hanno motivo di esistere. E dunque ha senso discernere se un computer appartenga a una determinata categoria.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Amig4be - 19 Febbraio 2015, 19:22:11
con il boom dei notebook per la massa e il crollo dei prezzi (seconda metà degli anni 2000) il computer imho si è fatto ancora più personal... con la possibilità di portarlo ovunque fuori e dentro casa, magari uno per ogni componente del nucleo familiare.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 19 Febbraio 2015, 19:22:56
E sono arrivati pure i tablet e gli smartphone (che si stanno mangiando il mercato dei tablet). ;)
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: GRENDIZER - 19 Febbraio 2015, 19:33:29
All'epoca essere definito  home computer era senz'altro piu' figo che essere definito un pc (personal computer).
Oltretutto La parola.personal computer.in quegli anni divenne il marchio identificativo dei pc ibm e compatibili.
Con il termine personal computer, si voleva indicare il lato serioso della macchina, il computer da ufficio usato esclusivamente per lavorare. Il termine home computer era senz'altro.piu' figo e creativo in quanto oltre ad orientarsi all'uso casalingo e di svago, racchiudeva dentro di se anche la possibilita' d'uso lavorativo, in quanto computer!
Il prototipo del personal computer moderno era l'amiga (perche' lo usavi per fare tutto quello che si fa con i pc.di oggi anche se in forma piu' limitata), quindi se andiamo a vedere , i pc ibm e compatibili di allora , non potrebbero  essere definiti oggi personal computer, in quanto solo amiga permetteva di fare di tutto, dall'editing video alla computer grafica e.via dicendo...

All'epoca come.gia' detto i sistemi venivano presentati a secondo del target e all'ambito a cui si rivolgevano  cambiando nome in home o personal computer... E allora per.come e' inteso oggi il personal computer, solo amiga avrebbe dovuto essere l'unico a fregiarsi di questo titolo, ma questo possiamo dirlo a posteriori....

Quindi riassumenndo, all'epoca se volevi lanciare nel mondo lavorativo o mostrare la produttivita' del sistema lo chiamavi personal computer, mentre se lo volevi imporre nel mercato ludico/creativo/svago e per l'uso in casa lo chiamavi home computer.

Risultato, all'epoca erano tutti home, personal e microcomputer.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: GRENDIZER - 19 Febbraio 2015, 19:38:27
Cmq per me il 64 rimane il biscottone con la scritta microcomputer sulla scatola e che veniva reclamizzato come l'home computer piu' venduto al mondo. Vedere la scritta personal computer (a cui all'epoca.associavo i "nemici di amiga", ovvero i pc compatibili) sul commodore 64 revisione 2, mi fa ancora rabbrividire...  ;D
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Amig4be - 19 Febbraio 2015, 19:45:20
Cmq per me il 64 rimane il biscottone con la scritta microcomputer sulla scatola e che veniva reclamizzato come l'home computer piu' venduto al mondo. Vedere la scritta personal computer (a cui all'epoca.associavo i "nemici di amiga", ovvero i pc compatibili) sul commodore 64 revisione 2, mi fa ancora rabbrividire...  ;D

a me da bambino quella scritta non piaceva... perché chiamarmelo micro, quando nella pubblicità (pochi secondi alla fine dello spot del vic 20) vedevo un SUPER computer che nella mia immaginazione poteva fare qualsiasi cosa (e poi ha davvero fatto qualsiasi cosa)! :D Non capivo il vero significato di micro.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: GRENDIZER - 19 Febbraio 2015, 19:55:12
Se lanciavano un computer chiamandolo wurstel computer, perche' era in grado di cuocere anche il mangiare, allora oggi parleremmo anche dei wurstel computer....

E se uno faceva un add on per il 64, per fare il massaggiatore di piedi, l'avrebbero reclamizzato come il biscottone massaggiapiedi ;D the feet computer
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 19 Febbraio 2015, 20:11:36
Quindi non dovrebbero esistere queste etichette, e dovremmo chiamare qualunque cosa "computer". Allora perché sono state create? Perché sono esistite? Perché continuano a essere utilizzate?
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 19 Febbraio 2015, 20:19:40

il punto non e' fare distinzione nelle cose personali, il punto e' se il gombuter o era roba tua, o era roba aziendale


Eh gia'.  La Dell e HP fanno distinzione fra "Home Computers" e "Work Computers".  In entrambi i casi sono Personal Computers.  La distinzione fra Home Computer e Personal Computer e' solo una faccenda di posizionamento sul mercato.
 
X CDIMAURO.  Leggi tutti i commenti anche quelli di lucommodore. 
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Z80Fan - 19 Febbraio 2015, 20:21:01
IBM (Industrial Business Machines).

*International Business Machines

Come già detto, se si sposta il C64 dall'insieme degli home a quello dei personal (che si trovavano pure a casa! Non è che uno se lo comprava e lo teneva soltanto in ufficio) allora si deve fare lo stesso anche con gli altri suoi "simili". Risultato: l'insieme degli home diventa vuoto, e rimane soltanto quello dei personal. Non sense. E' ovvio che sono tutti computer!

Commetti l'errore di considerare le due denominazioni come mutualmente esclusive.

E comunque rimane il fatto che sono tutte denominazioni commerciali: ogni compagnia cambiava termine in base a chi doveva venderlo:
- dobbiamo venderlo a singoli appassionati o a compagnie che lo danno uno per persona? -> Personal Computer
- dobbiamo venderlo a famiglie, facendo vedere che lo usa tutta la famiglia? -> Home Computer

Prendiamo l'Apple II: è un home o un personal? Lo puoi certamente usare in casa e lo può usare tutta la famiglia, quindi dovrebbe essere un "Home".
Però lo hanno usato anche tantissimo in ambito business, oppure nelle scuole, quindi dovrebbe essere un "Personal".

Se il C64 è "ricordato" come Home Computer, assieme al Zx Spectrum, BBC Micro, CPC etc. è perchè il lato "Home" era quello decisamente più famoso.

Pure gli Amiga 500, Atari ST erano considerati Home Computer; il fatto che oggiorno siano considerati "più" Personal è perchè nel periodo in cui furono introdotti (e publicizzati), la clientela era già diventata più sofisticata (sopratutto per andare contro IBM e i suoi "PC"), e sopratutto volevano proporsi come macchine più raffinate ("home computer? Pff! Non è mica un giocattolo! Questo è un Personal computer!!")

Insomma: i primi vennero commercializzati come "home" per conquistare le famiglie che fino a quel momento non sapevano neanche cosa fosse un computer (senza intimidirle), mentre i successivi furono "personal" per proporsi come macchine migliori.

E giusto per riproporre l'immagine:

(http://i.imgur.com/d4Je5qxl.jpg)

;)
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 19 Febbraio 2015, 20:32:07

il punto non e' fare distinzione nelle cose personali, il punto e' se il gombuter o era roba tua, o era roba aziendale


Eh gia'.  La Dell e HP fanno distinzione fra "Home Computers" e "Work Computers".  In entrambi i casi sono Personal Computers.  La distinzione fra Home Computer e Personal Computer e' solo una faccenda di posizionamento sul mercato.
Dal link che hai riportato in precedenza, clickando poi su quello della macchina Dell XPS, non v'è alcuna traccia di "home computer".
Citazione
X CDIMAURO.  Leggi tutti i commenti anche quelli di lucommodore.
No: è, rimane, e rimarrà in ignore. Senza eccezione alcuna.

IBM (Industrial Business Machines).

*International Business Machines

Come già detto, se si sposta il C64 dall'insieme degli home a quello dei personal (che si trovavano pure a casa! Non è che uno se lo comprava e lo teneva soltanto in ufficio) allora si deve fare lo stesso anche con gli altri suoi "simili". Risultato: l'insieme degli home diventa vuoto, e rimane soltanto quello dei personal. Non sense. E' ovvio che sono tutti computer!

Commetti l'errore di considerare le due denominazioni come mutualmente esclusive.

E comunque rimane il fatto che sono tutte denominazioni commerciali: ogni compagnia cambiava termine in base a chi doveva venderlo:
- dobbiamo venderlo a singoli appassionati o a compagnie che lo danno uno per persona? -> Personal Computer
- dobbiamo venderlo a famiglie, facendo vedere che lo usa tutta la famiglia? -> Home Computer

Prendiamo l'Apple II: è un home o un personal? Lo puoi certamente usare in casa e lo può usare tutta la famiglia, quindi dovrebbe essere un "Home".
Però lo hanno usato anche tantissimo in ambito business, oppure nelle scuole, quindi dovrebbe essere un "Personal".

Se il C64 è "ricordato" come Home Computer, assieme al Zx Spectrum, BBC Micro, CPC etc. è perchè il lato "Home" era quello decisamente più famoso.

Pure gli Amiga 500, Atari ST erano considerati Home Computer; il fatto che oggiorno siano considerati "più" Personal è perchè nel periodo in cui furono introdotti (e publicizzati), la clientela era già diventata più sofisticata (sopratutto per andare contro IBM e i suoi "PC"), e sopratutto volevano proporsi come macchine più raffinate ("home computer? Pff! Non è mica un giocattolo! Questo è un Personal computer!!")

Insomma: i primi vennero commercializzati come "home" per conquistare le famiglie che fino a quel momento non sapevano neanche cosa fosse un computer (senza intimidirle), mentre i successivi furono "personal" per proporsi come macchine migliori.

E giusto per riproporre l'immagine:

(http://i.imgur.com/d4Je5qxl.jpg)

;)
Ma infatti, e come ho già detto in altre occasioni, non è e non prendo per vero quello che il reparto marketing di un'azienda tirava fuori per classificare i propri prodotti.

Io distinguo per fasce di mercato e utilizzo tipico, ed è quello che sostanzialmente è stato fatto per la classificazione di quei computer. Riporto la mia descrizione, presa dal thread dei 30 anni dell'Amiga:

home computer = piccolo computer economico collegato alla TV usato sostanzialmente per giocare.
personal computer = computer molto più costoso (rispetto al primo) collegato a monitor e orientato principalmente alla produttività personale / business.

Quindi non dovrebbero esistere queste etichette, e dovremmo chiamare qualunque cosa "computer". Allora perché sono state create? Perché sono esistite? Perché continuano a essere utilizzate?

ti sfugge, ma inventate, ed utilizzate da chi ?
le vuoi usare tu ? fallo, a tuo uso e consumo

per me sono del tutto inutili
io ho scelto di fare distinzioni + pragmatiche
anche perche' in generale detesto le etichette

non avrei scritto il collector polimorfico per le Env se non lo pensassi
(che prima, facendo etichette e distinzioni, andava avanti a bestemmie
sono incapace di usare una etichettatrice, allergico anche al manuale)

mia profilassi, mia scelta
De gustibus...
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: GRENDIZER - 19 Febbraio 2015, 20:49:55
Su wikipedia mi piace questa definizione

"Ciò che differenzia un personal computer da un server o da un'avanzata console per videogiochi non è inerente alle caratteristiche fisiche, alle prestazioni o alla dotazione di interfacce, ma semplicemente alla dotazione di software e alla designazione d'uso"
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 19 Febbraio 2015, 21:33:38

home computer = piccolo computer economico collegato alla TV usato sostanzialmente per giocare.
personal computer = computer molto più costoso (rispetto al primo) collegato a monitor e orientato principalmente alla produttività personale / business.


Definisci piccolo = in misure, cicli CPU, KB di memoria o?.  Definisci economico.  Come si identifica un computer orientato alla produttivita' invece di usato per giocare.
 
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 20 Febbraio 2015, 02:57:32
Su wikipedia mi piace questa definizione

"Ciò che differenzia un personal computer da un server o da un'avanzata console per videogiochi non è inerente alle caratteristiche fisiche, alle prestazioni o alla dotazione di interfacce, ma semplicemente alla dotazione di software e alla designazione d'uso"
Ma se non riporti anche una definizione per home computer, non si può fare alcun raffronto e capire le differenze fra le due classi di computer. Ecco cosa riporta la stessa fonte in merito:

"Come indicato dal nome, questi computer furono tendenzialmente impiegati in ambito domestico piuttosto che in contesti produttivi.

Questa classe di computer era inoltre caratterizzata da un costo contenuto e da un utilizzo prevalentemente domestico (da cui il nome, che letteralmente significa "calcolatore casalingo")."

E direi che calza molto bene con quanto detto finora. ;)



home computer = piccolo computer economico collegato alla TV usato sostanzialmente per giocare.
personal computer = computer molto più costoso (rispetto al primo) collegato a monitor e orientato principalmente alla produttività personale / business.


Definisci piccolo = in misure, cicli CPU, KB di memoria o?.
Diciamo all'incirca un biscottone come dimensioni, che potevi facilmente trasportare e infilare ovunque a casa. Dotato di meno risorse hardware rispetto a un tipico personal computer, e che usualmente fa uso di registratori a cassette anziché floppy per gli stessi motivi.
Citazione
Definisci economico.
Economico. Dalla Treccani:

"Che è fatto con economia, che comporta una modica spesa, o che fa risparmiare"
Citazione
Come si identifica un computer orientato alla produttivita' invece di usato per giocare.
Nel primo caso prendi il floppy col programma di wordprocessor, foglio di calcolo, database, desktop publishing, CAD, ecc. ecc. e lo infili nel floppy
DIR
nomeprogramma
e parte l'applicazione con la quale tiri avanti il tuo studio, o che usa la tua azienda per svolgere uno dei tanti compiti che sono stati automatizzati.

Colleghi il joystick all'apposita porta
Infili la cassetta che hai comprato in edicola, dal piratozzo, o ti sei fatto copiare o prestare dall'amico di turno
LOAD
PRESS PLAY ON TAPE
e parte il gioco, nel secondo caso.

Riguardo alle tre immagini che hai riportato, nella prima e nella seconda trovi scritto "FOR home", non "home computer", e trovi le seguenti categorie di prodotti: laptop, 2-in-1, desktop, all-in-one, tablet. In tutti impera la scritta "PC(s)" e, ribadisco, è del tutto assente la scritta "home computer".

Per quanto riguarda la terza immagine, t'avevo già ampiamente risposto, e dunque riporto integralmente di seguito quanto già detto.

L'hai letto almeno? Usa il termine "home computer" per indicare un "desktop":

"Why Buy a Home Computer?

Ever since laptops became so cheap to own, many people have stopped buying desktop PCs. However, there are two huge advantages to a home computer that you won’t get from a laptop. First, because laptops tend to travel, you run a greater risk of circuits breaking loose and frying the whole system. Second, desktops provide a central location for everyone in the family."

Se clicki sul modello vincente di quella lista, il Dell XPS, finisci qui: http://www.dell.com/us/p/xps-8700/pd?~srd=true&sk=Dell%20XPS%208700&scat=prod&dgc=BA&cid=285111&lid=5447194&acd=123092093822786733

dove, ovviamente, non c'è la minima traccia di "home computer". E mi pare anche logico che sia così, visto che parliamo... di un PC! PC = Personal Computer.

secondo me bisogna chiedersi cosa fa
quale e' la sua o la tua designazione d'uso  :D
Ma l'ho anche scritto diverse volte, di già. :P
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 20 Febbraio 2015, 03:01:59
Poi che il Commodore 64 fosse nato apposta per i videogiochi lo hanno detto pure gli ingegneri che l'hanno creato. La fonte è il solito libro che ho già citato numerose volte.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 20 Febbraio 2015, 04:20:31
La terza imagine che ho inserito dice:

The Dell XPS Configuration has a 4th generation Intel I5 processor. this is a solid chip for an entry-level home computer,......
Dell XPS can be upgraded to include a 4th generation Intel I7 processor, which is the best processor typically found in a home computer. 

Ne deriva che la distinzione fra Home Computers e Personal Computer che vuoi fare tu non esiste.

Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 20 Febbraio 2015, 04:25:41

Nel primo caso prendi il floppy col programma di wordprocessor, foglio di calcolo, database, desktop publishing, CAD, ecc. ecc. e lo infili nel floppy
DIR
nomeprogramma
e parte l'applicazione con la quale tiri avanti il tuo studio, o che usa la tua azienda per svolgere uno dei tanti compiti che sono stati automatizzati.

Colleghi il joystick all'apposita porta
Infili la cassetta che hai comprato in edicola, dal piratozzo, o ti sei fatto copiare o prestare dall'amico di turno
LOAD
PRESS PLAY ON TAPE
e parte il gioco, nel secondo caso.


Tutti e due i casi si applicano al C64. Eccetto che nel primo caso si usa LIST invece di DIR.

Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 20 Febbraio 2015, 04:34:51
Poi che il Commodore 64 fosse nato apposta per i videogiochi lo hanno detto pure gli ingegneri che l'hanno creato. La fonte è il solito libro che ho già citato numerose volte.

E che il Commodore 64 fosse nato apposta per "Personal Business Aids" "Communication" "Education" e "Plus Entertainment" l'hanno detto tutta la direzione della Commodore, migliaia e migliaia di rivenditori, giornalisti, tecnici, e addetti ai lavori. La fonte e' dietro a 20 milioni di scatole del C64, scritto in milioni e milioni di brochures e depliant, in qualcosa come 30 lingue diverse.

 
 
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 20 Febbraio 2015, 07:36:58
La terza imagine che ho inserito dice:

The Dell XPS Configuration has a 4th generation Intel I5 processor. this is a solid chip for an entry-level home computer,......
Dell XPS can be upgraded to include a 4th generation Intel I7 processor, which is the best processor typically found in a home computer. 

Ne deriva che la distinzione fra Home Computers e Personal Computer che vuoi fare tu non esiste.
Come ti ho già riportato due volte, per chi ha scritto quella roba Home computer = Desktop. E l'hanno scritto proprio loro più avanti: come mai non hai detto niente e hai saltato a pié pari la descrizione che avevo riportato?


Nel primo caso prendi il floppy col programma di wordprocessor, foglio di calcolo, database, desktop publishing, CAD, ecc. ecc. e lo infili nel floppy
DIR
nomeprogramma
e parte l'applicazione con la quale tiri avanti il tuo studio, o che usa la tua azienda per svolgere uno dei tanti compiti che sono stati automatizzati.

Colleghi il joystick all'apposita porta
Infili la cassetta che hai comprato in edicola, dal piratozzo, o ti sei fatto copiare o prestare dall'amico di turno
LOAD
PRESS PLAY ON TAPE
e parte il gioco, nel secondo caso.


Tutti e due i casi si applicano al C64. Eccetto che nel primo caso si usa LIST invece di DIR.
E quindi? Ciò non toglie che rientri nella definizione di home computer e non in quella di personal. Le devo riportare di nuovo?

Poi che il Commodore 64 fosse nato apposta per i videogiochi lo hanno detto pure gli ingegneri che l'hanno creato. La fonte è il solito libro che ho già citato numerose volte.

E che il Commodore 64 fosse nato apposta per "Personal Business Aids" "Communication" "Education" e "Plus Entertainment" l'hanno detto tutta la direzione della Commodore, migliaia e migliaia di rivenditori, giornalisti, tecnici, e addetti ai lavori. La fonte e' dietro a 20 milioni di scatole del C64, scritto in milioni e milioni di brochures e depliant, in qualcosa come 30 lingue diverse.
Marketing, come già detto.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: AmigaCori - 20 Febbraio 2015, 10:20:27
Quindi non dovrebbero esistere queste etichette, e dovremmo chiamare qualunque cosa "computer". Allora perché sono state create? Perché sono esistite? Perché continuano a essere utilizzate?

Rispondevi a legacy pero' anche io mi ero fatto la tua stessa domanda e quindi ti propongo la mia risposta ^^

Io, come amig4be prima, non capivo il senso di chiamare "micro/home" il MIO computer, C64 od Amiga500 che sia per me era IL SUPER computer ^^ beh, avevo 11 anni e quel piccoletto Amiga500 lo vedevo SUPER. ^^v

Chi aveva deciso di creare la pubblicita' per quei computer aveva deciso che dovevano chiamrsi "home" oppure "micro" oppure "personal" ed ora a distanza di anni credo che fosse solo un motivo di marketing, chesso', IBM regnava sei "personal" e Commodore voleva regnare negli "home/micro" computer e quindi visto che i personal computer erano un'etichetta IBM (magari all'epoca tutti sapevano che PC = IBM ora PC = computer desktop) i tizi markettari di Commodore od altri marchi non IBM si saranno inventati la storia degli home & micro computer.

Riallacciandomi un po' al discorso di legacy, mettiamo che ti venisse chiesto di progettare un computer, un "home" "micro" "personal" come lo definiresti tecnicamente?, cioe' queli specifiche ti rendono un home diverso da un micro e diverso da un personal?, cioe' da quale parte puoi tecnicamente dire questo e' home, questo e' personal, questo e' mirco?

Mi sembra un po' difficile catalogare un computer in questi termini, mi e' invece facile distinguere un Tower da un Desktop da un Notebook, ecc. perche' c'e' qualcosa di ben definito su cui ragionare, anche se fosse un MidTower potrei dirti che non e' un Desktop perche' il Desktop lo metto "per lungo" ed il MidTower "in piedi" sulla scrivania. :D

Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: AmigaCori - 20 Febbraio 2015, 10:28:45
@legacy&GabrieleNick

Lo Zoo di 105...mai sentito parlare?, beh voi siete quello di NSA :D
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: paolone - 20 Febbraio 2015, 10:52:20
La suddivisione fra home e personal computer ha più o meno lo stesso scopo di quella fra hard-core e casual gaming: dare una o due parole inutili in più da pronunciare ai cretini che devono necessariamente trovare una definizione inutile a ogni cosa, probabilmente perché si sentono più sicuri in un mondo dove ogni concetto può essere stipato in un luogo non più grande di un cassetto.

Ogni dispositivo pensato per l'utilizzo prevalentemente monoutente, indipendentemente dalle dimensioni, è "personal". Vale per il nostro computer ma anche per il telefono cellulare e per l'automobile. Lo dice la parola stessa. Il personal computer è tale semplicemente perché "quel" computer è usato da "quella" persona e (più o meno) basta. Altrimenti sarebbe una workstation condivisa, un server, un mainframe e così via.

La definizione di home computer nacque negli anni Ottanta per separare nettamente i PC "dell'ufficio" (come gli IBM compatibili) dalle macchinette che, a vario titolo e di solito con potenze di calcolo sensibilmente inferiori, si usavano a casa per le piccole faccende domestiche/personali e per il gioco. Erano home computer gli elaboratori a 8 bit e le versioni all in one di Atari ST e Amiga (A500, A1200), ma appartenevano certamente alla fazione "personal" sia gli IBM compatibili (che si chiamavano proprio PC mica per niente!), sia gli Amiga più potenti (A2000, A3000, A4000) utilizzati prevalentemente in ambito lavorativo, sia i Mac. È chiaro che con la progressiva affermazione del PC come piattaforma "unica", lavorativa e domestica, ha reso di fatto inutile e desueta la definizione stessa di home computer.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 20 Febbraio 2015, 11:05:09
Quindi non dovrebbero esistere queste etichette, e dovremmo chiamare qualunque cosa "computer". Allora perché sono state create? Perché sono esistite? Perché continuano a essere utilizzate?

Rispondevi a legacy pero' anche io mi ero fatto la tua stessa domanda e quindi ti propongo la mia risposta ^^

Io, come amig4be prima, non capivo il senso di chiamare "micro/home" il MIO computer, C64 od Amiga500 che sia per me era IL SUPER computer ^^ beh, avevo 11 anni e quel piccoletto Amiga500 lo vedevo SUPER. ^^v

Chi aveva deciso di creare la pubblicita' per quei computer aveva deciso che dovevano chiamrsi "home" oppure "micro" oppure "personal" ed ora a distanza di anni credo che fosse solo un motivo di marketing, chesso', IBM regnava sei "personal" e Commodore voleva regnare negli "home/micro" computer e quindi visto che i personal computer erano un'etichetta IBM (magari all'epoca tutti sapevano che PC = IBM ora PC = computer desktop) i tizi markettari di Commodore od altri marchi non IBM si saranno inventati la storia degli home & micro computer.

Riallacciandomi un po' al discorso di legacy, mettiamo che ti venisse chiesto di progettare un computer, un "home" "micro" "personal" come lo definiresti tecnicamente?, cioe' queli specifiche ti rendono un home diverso da un micro e diverso da un personal?, cioe' da quale parte puoi tecnicamente dire questo e' home, questo e' personal, questo e' mirco?

Mi sembra un po' difficile catalogare un computer in questi termini, mi e' invece facile distinguere un Tower da un Desktop da un Notebook, ecc. perche' c'e' qualcosa di ben definito su cui ragionare, anche se fosse un MidTower potrei dirti che non e' un Desktop perche' il Desktop lo metto "per lungo" ed il MidTower "in piedi" sulla scrivania. :D
Perché, come ha riportato Paolo qui sopra, non ha più senso questa catalogazione: i PC hanno fagocitato tutti i diversi segmenti di mercato che esistevano prima.

All'epoca c'era quella suddivisione, perché i target di utilizzo era ben differenziati. Che poi anche con gli home computer si potesse realizzare qualche lavoretto, e viceversa che col PC si potesse giochicchiare, è ben noto, ma in generale la differenza c'era.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 20 Febbraio 2015, 19:15:36
Poi che il Commodore 64 fosse nato apposta per i videogiochi lo hanno detto pure gli ingegneri che l'hanno creato. La fonte è il solito libro che ho già citato numerose volte.

E che il Commodore 64 fosse nato apposta per "Personal Business Aids" "Communication" "Education" e "Plus Entertainment" l'hanno detto tutta la direzione della Commodore, migliaia e migliaia di rivenditori, giornalisti, tecnici, e addetti ai lavori. La fonte e' dietro a 20 milioni di scatole del C64, scritto in milioni e milioni di brochures e depliant, in qualcosa come 30 lingue diverse.
Marketing, come già detto.

Respingere come la Commodore abbia ufficialmente categorizzato i propri prodotti con la parola "marketing" non significa che la tua categorizzazione sia corretta.
 
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: GRENDIZER - 20 Febbraio 2015, 19:35:31
Alla fine uno dei due abbandonera' per sfinimento  ;D
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 20 Febbraio 2015, 20:19:37
Poi che il Commodore 64 fosse nato apposta per i videogiochi lo hanno detto pure gli ingegneri che l'hanno creato. La fonte è il solito libro che ho già citato numerose volte.

E che il Commodore 64 fosse nato apposta per "Personal Business Aids" "Communication" "Education" e "Plus Entertainment" l'hanno detto tutta la direzione della Commodore, migliaia e migliaia di rivenditori, giornalisti, tecnici, e addetti ai lavori. La fonte e' dietro a 20 milioni di scatole del C64, scritto in milioni e milioni di brochures e depliant, in qualcosa come 30 lingue diverse.
Marketing, come già detto.

Respingere come la Commodore abbia ufficialmente categorizzato i propri prodotti con la parola "marketing" non significa che la tua categorizzazione sia corretta.
Dovresti sapere che i markettari farebbero di tutto pur di vendere. Come detto prima, bisogna vedere l'ambito applicativo di quei computer, e le macchine che sono state classificate come home e personal computer rientrano nelle definizioni che ho fornito. Rientrano pure in quelle della wikipedia italiana. E in quella inglese. E pure l'ultimo paragrafo di Paolo lo spiega chiaramente.

Vuoi che ti riporti anche il messaggione che avevo scritto tempo addietro con tutto quello che avevo raccolto dal famigerato libro sulla Commodore? Così vediamo cosa ne pensava realmente chi c'ha lavorato. O nemmeno loro ti vanno bene soltanto perché quello che dicono cozza contro l'idea che ti sei fatta sull'argomento? Era una macchina da gioco, pensata principalmente per quello; come gli home computer dell'epoca.

Viceversa, i personal erano roba professionale. E non era certo un caso che fossero dotati delle famigerate 80 colonne e/o dell'alta risoluzione. Per non parlare poi della potenza di calcolo, della memoria molto più capiente, della dotazione standard di floppy o addirittura dell'hard disk, per finire poi col monitor che era quasi sempre di serie. Tutte caratteristiche indispensabili per sfruttare adeguatamente il software professionale disponibile all'epoca.

Infine, ribadisco ancora una volta: se il 64 lo sposti dagli home ai personal, poi devi fare lo stesso con tutti gli altri home computer. Dunque eliminando, di fatto, le distinzioni fra le due tipologie di prodotti. Che, però, sono esistite.

Alla fine uno dei due abbandonera' per sfinimento  ;D
Beh, se dovessimo tenere conto di tutte le parti che sono state sistematicamente tagliate pur di non rispondere alle numerose obiezioni e argomentazioni, direi che l'esito della diatriba risulti già palese. Ma lascio agli altri giudicare. ;)
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 20 Febbraio 2015, 20:42:52
Alla fine uno dei due abbandonera' per sfinimento  ;D

Se abbandono non e' per sfinimento, e' solo per non spaccare la minchia a Gabriele.
 
 ;D ;D ;D
 
Del resto la Commodore e' stata abbastanza chiara.  CDIMAURO si preoccupa del fatto che l'insieme "home computer" sia vuoto quindi ci lasciamo questo computer solo per lui.
 
(http://www.sellcell.com/blog/wp-content/uploads/2012/10/apple-1.jpg)
 
 
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 20 Febbraio 2015, 20:45:46
Oste, com'è il vino?
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 20 Febbraio 2015, 21:22:29
Recuperate le citazioni di cui parlavo prima:

VIC-20 - Citazioni (http://www.nonsoloamiga.com/index.php?topic=2521.msg37579#msg37579)

Commodore 64 - Citazioni (http://www.nonsoloamiga.com/index.php?topic=2521.msg37580#msg37580)

Questa è la gente che quelle macchine le ha realizzate, e sapeva bene quel che faceva. Incluso il famigerato Jack Tramiel. Direi che si commentano da sole.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 20 Febbraio 2015, 23:08:26
Nelle citazioni che hai riportato non si legge il termine "home computer".
 
Pero' quello che hai omesso e' proccupante. 
 
Il titolo originale era "Design Case History: The Commdore 64" - The world greatest video-game chip became the basis for the world's most popular personal computer.
 
Qui di sotto la prima pagina.
 
 
 
 
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 21 Febbraio 2015, 00:26:12
E nella terza pagina dello stesso articolo
 
"At a meeting of Charpentier, Winterble, and Tramiel, the decision was made to go for a personal computer."
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 21 Febbraio 2015, 06:45:32
Quella raccolta di citazioni riguardava il fatto che Commodore VIC-20 e 64 erano macchine da gioco. La discussione è accaduta tempo fa, per cui presuppongo che tu l'abbia dimenticato. Dunque NON era una raccolta di citazioni dei termini "home computer" né tanto meno "personal computer", ovviamente.

Il tema, lo ribadisco, era: "videogiochi". Sia i progettisti sia lo stesso Tramiel, che era il CEO dell'azienda (dunque non uno dei tanti: era LUI CHE COMANDAVA, e lo dovresti sapere molto bene), volevano e hanno lavorato per creare una macchina da videogiochi. Inoltre fino a POCHI GIORNI PRIMA DELLA PRESENTAZIONE il reparto marketing dell'azienda fu tenuto all'oscuro. Sì, lo stesso reparto che hai invocato in precedenza quando sbandieravi le milioni di scritte "personal computer" col quale è stato pubblicizzata la macchinetta da videogiochi.

Per cui non ho omesso proprio niente, perché quella raccolta era orientata a tutt'altro.

Piuttosto è palese la perfetta malafede che hai dimostrato riportando soltanto le due frasette che ti facevano comodo, e null'altro. Lo faccio io, così ti "rinfresco la memoria", e rendo pubblico TUTTO quello che hai scientemente nascosto.


DALLA PRIMA PAGINA

"The 'world's greatest' video-game chips became the basis for the world's most popular personal computer"

"In January 1982, a home computer incorporating those chips was introduced at the Winter Consumer Electronics Show in Las Vegas, Nev."

"What surprised the rest of the home-computer industry most, however, was the introductory price of the Commodore 64"

"Its LSI Group, headed at that time by Albert J. Charpentier, had been responsible for some of the chips that went into Commodore's VIC-20 home computer"

"Instead, he decided, the chips would go into a 64-Kilobyte home computer to be introduced at the Consumer Eletronics Show"

"Sprite - a movable graphics object used in home computers and video-game machines for animation"

DALLA TERZA PAGINA

"The original intent had been a game machine, but at this point the personal computer market was beginning to look promising. At the meeting of Charpentier, Winterble, and Tramiel, the decision was made to go for a personal computer."


Come vedi, io non nascondo nulla: ho riportato TUTTO quello che trovato riguardo a home e personal computer. Mi spiace soltanto che non ho più il libro, perché sarebbe stato utile e interessante riportare tutte le occorrenze di quei termini, ma credo che il materiale già riportato dia una buona misura di quello che era quelle macchine e il target per le quali siano state costruite.

Adesso sarebbe interessante sapere un'altra cosa: cos'è che ti spinge a presentare delle fonti occultando parti importanti delle informazioni che contengono? Pensi che gli altri non leggano e scoprano tutto? L'avevi già fatto con Wikipeda, dove hai riportato soltanto qualche frasetta, salvo poi sistematicamente evitare di rispondere quando ho tirato fuori ciò che diceva (e ovviamente smentiva quello che avevi scritto). Sono, ribadisco, fonti TUE, e dovresti essere il primo a sostenerle. Ma, quanto meno, dovresti verificare ciò che dicono PRIMA di riportarle.

Comunque non sono problemi miei. Se a te piace fare brutte figure pur di continuare a sostenere il tuo amore smisurato per quelle macchine, io non sono nessuno per impedirlo.

Io non taglio parti scomode. Non evito accuratamente di rispondere alle obiezioni che mi vengono poste. Non riporto nuovamente cose che sono già state smentite. Non passo il tempo a cercare disperatamente qualche appiglio. Ma soprattutto non edito commenti già scritti, aggiungendo qualche battutina da due soldi e immaginette atte a prendere in giro l'interlocutore. Non lo faccio perché sono perfettamente in grado di argomentare senza scadere in questi mezzucci retorici di chi, evidentemente, non è in grado di sostenere una discussione che è divenuta troppo scomoda.

Aspetto ancora che quoti quello che ho scritto nei due thread impegnati sull'argomento, e lo contesti puntualmente portando fatti e argomentazioni. Se non lo ritieni corretto sei liberissimo di DIMOSTRARLO. Ma non farmi invecchiare nell'attesa.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: paolone - 21 Febbraio 2015, 08:36:10
Minchia che noia! State davvero discutendo del nulla. TUTTI i computer domestici e da ufficio sono SEMPRE stati personal. Mai personal computer da casa erano stati chiamati "home" per differenziarli. Un home computer è anche personal nnell'accezione generica del termine.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: GRENDIZER - 21 Febbraio 2015, 08:55:07
Home computer, personal.computer erano niente a confronto dei cervelli elettronici come questo
http://www.youtube.com/watch?v=AkpjPEdw1yw
 ;D
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: GRENDIZER - 21 Febbraio 2015, 09:06:27
Guardatevi sta review storica del 64

http://www.youtube.com/#/watch?v=fe1-VVXIEh4
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Amig4be - 21 Febbraio 2015, 11:08:50
I computer "moderni" (oggetti dalle dimensioni contenute) venivano definiti Home nel periodo in cui la loro posizione fisica poteva essere di due tipi:
o in ufficio/studio/laboratorio/scuole/salemacchine/officine, oppure in Casa.
In un primo tempo questi sistemi erano tra loro molto diversi... al lavoro prevalentemente trovavamo IBM e compatibili. Per le case avevamo un ecosistema di macchine che si contendevano i salotti delle famiglie a colpi di suoni polifonici, colori, animazioni, e cose fighe.  I primi avevano bisogno di monitor dedicati che costavano un occhio, gli home computer si accontentavano di una qualsiasi tv.
Commodore ed Apple provavano a tenere un piede sia da una parte che dall'altra, ma è un dato di fatto che commodore svettava con i suoi prodotti destinati all'ambiente domestico, quindi si spiega anche il personal home computer A1500 (e questo è un punto importante); una questione di marketing.
Successivamente però quelli che definivamo pc (roba costosa, senza troppi colori o fuochi d'artificio e noiosa) hanno cominciato ad avere i giochi migliori, del software creativo alla portata di tutti (anche certe ka di amiga portate su msdos). Insomma, l'appassionato domestico più furbo iniziava a capire che forse era meglio puntare su un'unica macchina probabilmente destinata a dominare qualsiasi campo. Quello fanatico ottenebrato o sentimentale voleva sempre amiga o apple anche quando non erano più convenientissimi.
E così è accaduto giungendo finalmente al personal computer moderno (le cui caratteristiche erano state anticipate da Amiga e anche Apple) che ha trovato la sua massima e definitiva espressione del PC Notebook (prodotti per la massa e non ad esempio per professionisti che avevano bisogno di un ufficio  portabile)... e non c'è niente di più personal del propio pc notebook, solo lo smartphone credo (ma che non è un pc, almeno non ancora).

Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Amig4be - 21 Febbraio 2015, 11:34:07
@Amig4be

nota le note commerciali di SGI per la Personal Iris, in un abile gioco di parole

Citazione
The Personal IRIS is the first personal 3D workstation combining dynamic 3D graphics, powerful computing, and ease of use. The price/performance breakthrough and complete features of this personal 3D workstation make it an attractive platform for many technical, scientific, and creative design applications.

l'adesivo

Citazione
if you can own it, it's personal to you

questa costava, ma non cosi' tanto da essere proibitiva, quindi potevi anche prendertene una tua personale
+ o - come potevi comprarti un Apple Lisa

e molte di quelle che si sono salvate hanno mostrato che i proprietari le tenevano nello studio di casa
quelle nelle ditte sono state quasi tutte frullate in pressa idraulica

ergo era una cosa personale, stava a casa tua  :D

beh la grafica 3D ha origini lontane, molti algoritmi e principi sono nati negli anni 60/70 quando si costruivano le basi per degli strumenti che successivamente sarebbero finiti nelle mani di artisti e creativi (i quali non hanno bisogno di comprendere che razzo fa il pc quando utilizzano una texture procedurale o un algoritmo di suddivisione della mesh). Il tutto anche grazie all'accoppiata Pixar Jobs. Qui amiga è stata la culla per un genere di software da usare in casa che avrebbe poi preso il sopravvento... ma siccome la potenza di calcolo non basta mai, certi modelli di workstation facevano sbavare anche giovani studenti o chi si cimentava in quelle arti. Se avevano soldi per prenderne una, se la portavano a Casa. Ad esempio il creatore di Blender nel 94 riadattò il suo codice da amiga a una di queste ws quando da smanettone, ormai lavorava in uno studio di animazione. Poi la potenza del pc ha preso sempre più piede... c'era 3ds, sono arrivati i software nati su amiga e altre piattaforme dedicate.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: GRENDIZER - 21 Febbraio 2015, 12:27:14
@GRENDIZER
ahahahahahahahahahahahahahhahahaahh  :D

fantastico

http://www.youtube.com/#/watch?v=Dm4xCnvRZeY

 ;D

Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: AmigaCori - 21 Febbraio 2015, 14:09:41
mi sono appena meravigliato dello Sharp MZ-80B Personal Computer  :o :o :o

un tape completamente autonomo (doppia testina erase & read/write) ed integrato in un copetto che integra anche un CRT
semba uno di quei cosi che si incassano nei mobili in metallo degli studi di regia tra mille e mila levate, bottoni, e slitte X______X

L'avevo gia' visto!, guarda, ha anche l'asticina per quando apri il cofano!!! hahaha

(http://akiba-pc.watch.impress.co.jp/img/ah/docs/606/699/mz805.jpg)
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 23 Febbraio 2015, 02:13:38
Quella raccolta di citazioni riguardava il fatto che Commodore VIC-20 e 64 erano macchine da gioco. La discussione è accaduta tempo fa, per cui presuppongo che tu l'abbia dimenticato. Dunque NON era una raccolta di citazioni dei termini "home computer" né tanto meno "personal computer", ovviamente.

No leggi attentamente quello che hai riportato. 
Piccolo esempio dalla risposta 327 dell'altro thread: 

When Russell told retailers the VIC-20 could play games and run application software, they asked him, "What do I need a computer for? Why would I buy it? Why would I spend $300 for it?" They were good questions, since games were the VIC-20's strength."

I giochi erano il punto di forza del VIC-20 non vuole dire che erano machine da gioco. Era una questione di disponibililta' del software.

Il tema, lo ribadisco, era: "videogiochi". Sia i progettisti sia lo stesso Tramiel, che era il CEO dell'azienda (dunque non uno dei tanti: era LUI CHE COMANDAVA, e lo dovresti sapere molto bene), volevano e hanno lavorato per creare una macchina da videogiochi. Inoltre fino a POCHI GIORNI PRIMA DELLA PRESENTAZIONE il reparto marketing dell'azienda fu tenuto all'oscuro. Sì, lo stesso reparto che hai invocato in precedenza quando sbandieravi le milioni di scritte "personal computer" col quale è stato pubblicizzata la macchinetta da videogiochi.

Per cui non ho omesso proprio niente, perché quella raccolta era orientata a tutt'altro.

Piuttosto è palese la perfetta malafede che hai dimostrato riportando soltanto le due frasette che ti facevano comodo, e null'altro. Lo faccio io, così ti "rinfresco la memoria", e rendo pubblico TUTTO quello che hai scientemente nascosto.


DALLA PRIMA PAGINA

"The 'world's greatest' video-game chips became the basis for the world's most popular personal computer"

"In January 1982, a home computer incorporating those chips was introduced at the Winter Consumer Electronics Show in Las Vegas, Nev."

"What surprised the rest of the home-computer industry most, however, was the introductory price of the Commodore 64"

"Its LSI Group, headed at that time by Albert J. Charpentier, had been responsible for some of the chips that went into Commodore's VIC-20 home computer"

"Instead, he decided, the chips would go into a 64-Kilobyte home computer to be introduced at the Consumer Eletronics Show"

"Sprite - a movable graphics object used in home computers and video-game machines for animation"

DALLA TERZA PAGINA

"The original intent had been a game machine, but at this point the personal computer market was beginning to look promising. At the meeting of Charpentier, Winterble, and Tramiel, the decision was made to go for a personal computer."



Non stai aggiungendo niente di nuovo perche' io non ho omesso niente. Le pagine in questione le ho inserite alla fine dei miei commenti.   Le frasi da me riportate sono solo un esempio di quello che manca nelle tue citazioni.  In ogni caso l'articolo e' disponibile in rete. (Se avessi letto la prima pagina da me inserita avresti anche visto il sito dove si trova l'articolo. http://www.commodore.ca/gallery/magazines/c64_design/c64_design.htm
 
Come vedi, io non nascondo nulla: ho riportato TUTTO quello che trovato riguardo a home e personal computer.

No non hai riportato tutto. Vedi l'articolo pubblicato originariamente nel 1985.  Tu hai riportato un estratto di quell'articolo con parti mancanti e critiche a capire la storia.

Mi spiace soltanto che non ho più il libro, perché sarebbe stato utile e interessante riportare tutte le occorrenze di quei termini, ma credo che il materiale già riportato dia una buona misura di quello che era quelle macchine e il target per le quali siano state costruite.

Adesso sarebbe interessante sapere un'altra cosa: cos'è che ti spinge a presentare delle fonti occultando parti importanti delle informazioni che contengono? Pensi che gli altri non leggano e scoprano tutto? L'avevi già fatto con Wikipeda, dove hai riportato soltanto qualche frasetta, salvo poi sistematicamente evitare di rispondere quando ho tirato fuori ciò che diceva (e ovviamente smentiva quello che avevi scritto). Sono, ribadisco, fonti TUE, e dovresti essere il primo a sostenerle. Ma, quanto meno, dovresti verificare ciò che dicono PRIMA di riportarle.

Comunque non sono problemi miei. Se a te piace fare brutte figure pur di continuare a sostenere il tuo amore smisurato per quelle macchine, io non sono nessuno per impedirlo.

Io non taglio parti scomode. Non evito accuratamente di rispondere alle obiezioni che mi vengono poste. Non riporto nuovamente cose che sono già state smentite. Non passo il tempo a cercare disperatamente qualche appiglio. Ma soprattutto non edito commenti già scritti, aggiungendo qualche battutina da due soldi e immaginette atte a prendere in giro l'interlocutore. Non lo faccio perché sono perfettamente in grado di argomentare senza scadere in questi mezzucci retorici di chi, evidentemente, non è in grado di sostenere una discussione che è divenuta troppo scomoda.

  Frasi di condiscenza che non aggiungono niente di valido.
L'articolo in questione, come tanti altri articoli, recensioni, video, interviste, di cui  Bagnall si e' riferito nel suo libro sono disponibili in rete.  Google e' il tuo amico.

Aspetto ancora che quoti quello che ho scritto nei due thread impegnati sull'argomento, e lo contesti puntualmente portando fatti e argomentazioni. Se non lo ritieni corretto sei liberissimo di DIMOSTRARLO. Ma non farmi invecchiare nell'attesa.

Aspetto ancora che impari a leggere l'inglese senza storpiarne o travasarne il significato.
Ma cominciando dall''inizio: del titolo

"Design Case History: the Commodore 64 'The world greatest' video-game chips became the basis for the world's most popular personal computer"

Cosa e' che non e chiaro?.

Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 23 Febbraio 2015, 02:20:45
Concordo con legacy, infatti non si tratta di definizioni universali ma di espressioni utilizzate per comodità.
Inoltre, ai bei tempi d'oro, tali espressioni erano ad uso e consumo del marketing delle varie aziende che utilizzavano "home" o "personal" per mandare ai prospect messaggi atti "vendere" e non certo a "definire" o a "catalogare".
   Vero

Minchia che noia! State davvero discutendo del nulla. TUTTI i computer domestici e da ufficio sono SEMPRE stati personal. Mai personal computer da casa erano stati chiamati "home" per differenziarli. Un home computer è anche personal nnell'accezione generica del termine.
  Vero anche qui.

ma chi se ne frega :D

il punto non e' fare distinzione nelle cose personali, il punto e' se il gombuter o era roba tua, o era roba aziendale

Vero anche qui.


Mi sembra un po' difficile catalogare un computer in questi termini, mi e' invece facile distinguere un Tower da un Desktop da un Notebook, ecc. perche' c'e' qualcosa di ben definito su cui ragionare, anche se fosse un MidTower potrei dirti che non e' un Desktop perche' il Desktop lo metto "per lungo" ed il MidTower "in piedi" sulla scrivania. :D
Vero anche qui.

Home computer - computer che sta a casa
Personal computer - se dentro al computer ci son cazzi miei
Home personal computer - se sta a casa e ci son dentro cazzi miei
Console - ci gioco e basta
Portable console - se ci gioco e basta al cesso
Color Computer - se il case è colorato
Color Personal computer - se il case è colorato e ci son dentro i cazzi miei
Color Home computer - se il case è colorato e sta a casa
Color Micro computer - se il case è colorato e premo i tastini con uno spillo..

Poi continuo, ma comunque mi sembra la descrizione più sensata di tutte queste 5 pagine ;D :P
Pure questo e' vero.

Stiamo tutti dicendo la stessa cosa con parole diverse.  Sembra che a CDIMAURO piaccia polemizzare.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 23 Febbraio 2015, 05:30:51
Quella raccolta di citazioni riguardava il fatto che Commodore VIC-20 e 64 erano macchine da gioco. La discussione è accaduta tempo fa, per cui presuppongo che tu l'abbia dimenticato. Dunque NON era una raccolta di citazioni dei termini "home computer" né tanto meno "personal computer", ovviamente.

No leggi attentamente quello che hai riportato. 
Piccolo esempio dalla risposta 327 dell'altro thread: 

When Russell told retailers the VIC-20 could play games and run application software, they asked him, "What do I need a computer for? Why would I buy it? Why would I spend $300 for it?" They were good questions, since games were the VIC-20's strength."

I giochi erano il punto di forza del VIC-20 non vuole dire che erano machine da gioco. Era una questione di disponibililta' del software.
Scusami, ma chi l'ha negato questo? Era un home computer, dunque era stato pensato principalmente come macchina per giocare (a casa). Poi è chiaro che potevi farci anche altro, visto che era un computer e non esclusivamente una console.

E' una questione di target, come già ampiamente discusso.

Citazione
Il tema, lo ribadisco, era: "videogiochi". Sia i progettisti sia lo stesso Tramiel, che era il CEO dell'azienda (dunque non uno dei tanti: era LUI CHE COMANDAVA, e lo dovresti sapere molto bene), volevano e hanno lavorato per creare una macchina da videogiochi. Inoltre fino a POCHI GIORNI PRIMA DELLA PRESENTAZIONE il reparto marketing dell'azienda fu tenuto all'oscuro. Sì, lo stesso reparto che hai invocato in precedenza quando sbandieravi le milioni di scritte "personal computer" col quale è stato pubblicizzata la macchinetta da videogiochi.

Per cui non ho omesso proprio niente, perché quella raccolta era orientata a tutt'altro.

Piuttosto è palese la perfetta malafede che hai dimostrato riportando soltanto le due frasette che ti facevano comodo, e null'altro. Lo faccio io, così ti "rinfresco la memoria", e rendo pubblico TUTTO quello che hai scientemente nascosto.

[...CITAZIONI...]


Non stai aggiungendo niente di nuovo perche' io non ho omesso niente. Le pagine in questione le ho inserite alla fine dei miei commenti.   Le frasi da me riportate sono solo un esempio di quello che manca nelle tue citazioni.  In ogni caso l'articolo e' disponibile in rete. (Se avessi letto la prima pagina da me inserita avresti anche visto il sito dove si trova l'articolo. http://www.commodore.ca/gallery/magazines/c64_design/c64_design.htm
Non è questo il punto. Il punto è che di quelle DUE immagini hai riportato ESCLUSIVAMENTE le due frasi che parlano di personal computer, ignorando sistematicamente tutte le volte in cui parlavano di home computer.

Hai, dunque, cercato di occultare ciò che non ti faceva comodo, mentre io ho riportato tutto.

Citazione
Come vedi, io non nascondo nulla: ho riportato TUTTO quello che trovato riguardo a home e personal computer.

No non hai riportato tutto. Vedi l'articolo pubblicato originariamente nel 1985.  Tu hai riportato un estratto di quell'articolo con parti mancanti e critiche a capire la storia.
Cosa non ti è chiaro del fatto che TU hai riportato DUE immagini, e io ho semplicemente estratto TUTTE le informazioni su home e personal computer che ho trovato in esse, visto che TU non l'avevi fatto? A te interessava riportare esclusivamente le citazioni di personal computer, e nient'altro, com'è ormai evidente.

Poi non è che tu abbia scritto: "guarda, ho trovato un articolo online che potrebbe essere utile alla discussione, e di cui riporto soltanto un paio di paginette come anteprima, ma il resto lo trovi a questo link".

Chiaro?

Citazione
Mi spiace soltanto che non ho più il libro, perché sarebbe stato utile e interessante riportare tutte le occorrenze di quei termini, ma credo che il materiale già riportato dia una buona misura di quello che era quelle macchine e il target per le quali siano state costruite.

Adesso sarebbe interessante sapere un'altra cosa: cos'è che ti spinge a presentare delle fonti occultando parti importanti delle informazioni che contengono? Pensi che gli altri non leggano e scoprano tutto? L'avevi già fatto con Wikipeda, dove hai riportato soltanto qualche frasetta, salvo poi sistematicamente evitare di rispondere quando ho tirato fuori ciò che diceva (e ovviamente smentiva quello che avevi scritto). Sono, ribadisco, fonti TUE, e dovresti essere il primo a sostenerle. Ma, quanto meno, dovresti verificare ciò che dicono PRIMA di riportarle.

Comunque non sono problemi miei. Se a te piace fare brutte figure pur di continuare a sostenere il tuo amore smisurato per quelle macchine, io non sono nessuno per impedirlo.

Io non taglio parti scomode. Non evito accuratamente di rispondere alle obiezioni che mi vengono poste. Non riporto nuovamente cose che sono già state smentite. Non passo il tempo a cercare disperatamente qualche appiglio. Ma soprattutto non edito commenti già scritti, aggiungendo qualche battutina da due soldi e immaginette atte a prendere in giro l'interlocutore. Non lo faccio perché sono perfettamente in grado di argomentare senza scadere in questi mezzucci retorici di chi, evidentemente, non è in grado di sostenere una discussione che è divenuta troppo scomoda.

  Frasi di condiscenza che non aggiungono niente di valido.
E' dimostrato che le fonti che hai usato ti si sono ritorte contro. Com'è dimostrato che sistematicamente eviti di rispondere a tanta roba: i tuo messaggi sono pieni di quote accuratamente fatti sparire.

Altro che frasi di circostanza...
Citazione
L'articolo in questione, come tanti altri articoli, recensioni, video, interviste, di cui  Bagnall si e' riferito nel suo libro sono disponibili in rete.  Google e' il tuo amico.
Il punto non era questo. Vedi sopra. E l'intero libro di Bagnall l'ho già letto, e ne ho riportato un'ampia parte in merito al fatto che quelle fossero macchine pensate principalmente per giocare, come ampiamente dimostrato, e come facevano gli home computer dell'epoca.

Dalla fonte che TU stesso avevi riportato, Wikipedia: http://en.wikipedia.org/wiki/Home_computer

"Home computers were a class of microcomputers entering the market in 1977, and becoming common during the 1980s. They were marketed to consumers as affordable and accessible computers that, for the first time, were intended for the use of a single nontechnical user. These computers were a distinct market segment that typically cost much less than business, scientific or engineering-oriented computers of the time such as the IBM PC,[1] and were generally less powerful in terms of memory and expandability. However, a home computer often had better graphics and sound than contemporary business computers. Their most common use was playing video games"

Citazione
Aspetto ancora che quoti quello che ho scritto nei due thread impegnati sull'argomento, e lo contesti puntualmente portando fatti e argomentazioni. Se non lo ritieni corretto sei liberissimo di DIMOSTRARLO. Ma non farmi invecchiare nell'attesa.

Aspetto ancora che impari a leggere l'inglese senza storpiarne o travasarne il significato.
Ma cominciando dall''inizio: del titolo

"Design Case History: the Commodore 64 'The world greatest' video-game chips became the basis for the world's most popular personal computer"

Cosa e' che non e chiaro?.
E' così chiaro che l'avevo già riportato. Ma a te sono chiare anche tutte le citazioni su "home computer"? Ti è chiaro il fatto che gli home computer erano nati principalmente per giocare?
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Amig4be - 23 Febbraio 2015, 11:24:22
sicuramente se un qualsivoglia marchingegno elettronico ha dentro i razzi miei...  è personal :D
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: lucommodore - 23 Febbraio 2015, 12:46:47
Come già detto in precedenza, anche se qualcuno non legge, si tratta di espressioni assegnate dal marketing e utili ad aumentare l'appetibilità di un prodotto nel suo preciso periodo di commercializzazione.
Prendere un'espressione markettara e cercare di farne una definizione universale è un Razzata pazzesca.
Le espressioni corrette erano quelle stabilite dal marketing e riportate dalle aziende su box, documentazione e manualistica relativa. E variavano nel tempo ed in base ai canali di distribuzione e alla loro localizzazione.
In base a questo il Commie è stato, storicamente, "MicroComputer" e "Personal Computer"; credo non sia mai stato "Home Computer"...
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: AmigaCori - 23 Febbraio 2015, 13:17:03
@GabrieleNick
Si ma io leggo  ;D quindi cerchiamo di non esagerare  >:(
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 23 Febbraio 2015, 16:28:24
sicuramente se un qualsivoglia marchingegno elettronico ha dentro i razzi miei...  è personal :D
Chiaro. Ed è normale che sia gli home sia i personal computer fossero computer... personali. Personal, con questo significato, abbraccia entrambe le tipologie di prodotti, perché non parliamo più di computer aziendali oppure "affittati".

Ma personal (computer) identifica anche una fascia di mercato / tipologia di dispositivi orientata al business/produttività personale, che si contrappone a quella degli home (computer) che era orientata, invece, all'intrattenimento videoludico.

Sono due concetti diversi che non vanno mischiati, anche se sono relazionati. Infatti l'idea di personal computer non nasce certo col PC di IBM, ma è con questo che assume il significato moderno che conosciamo oggi e che, al contempo, ha portato alla differenziazione dei dispositivi prevalentemente ludici di cui sopra che sono stati chiamati home computer, per l'appunto.

Se Commodore 64, 128, ZX Spectrum, ecc. sono classificati come home computer, mentre PC, Macintosh, Amiga, Atari ST, ecc. sono classificati come personal computer è per questa ragione, e non per il fatto che erano "per uso personale". Perché lo erano tutti: sia home sia personal computer...
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: lucommodore - 23 Febbraio 2015, 16:52:54
Ok.
Ora voglio sapere la differenza tra "baldracca" e "bagascia".
Quali sono le differenze? Come venivano considerate ai tempi?
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 23 Febbraio 2015, 16:57:16
(http://www.commodore.ca/gallery/brochures/vic-20/VIC-20_friendly_brochure_p4.jpg)
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 23 Febbraio 2015, 16:59:42
(http://www.commodore.ca/gallery/adverts_commodore/sx64_unknown_source.jpg)
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 23 Febbraio 2015, 17:01:54
Dalla stessa fonte da cui hai postato l'immagine (http://www.commodore.ca/commodore-products/commodore-vic-20-the-first-inexpensive-home-computer/):

"Commodore VIC-20 History:  The VIC-20 debuted in June of 1980 at the Computer Electronics Show but its development started almost by accident two years earlier.  Commodore engineered and manufactured the “Video Interface Chip 6560″ or VIC1 for the video game market which was beginning to collapse.  After not being able to sell the chip to other companies for their consoles, Commodore developed the VIC-20 as an inexpensive home computer."
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 23 Febbraio 2015, 17:57:20
Dove CDIMAURO non ha ancora capito che i due termini sono EQUIVALENTI e non si escludono a vicenda.
 
Stesso vale per Amiga.
 
 
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 23 Febbraio 2015, 17:59:08
L'ho già spiegato prima, ma "stranamente" non hai avuto nulla da dire.

Poi non sono io che riporto fonti, che poi mi smentiscono...
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 23 Febbraio 2015, 18:20:02
No infatti. Di fonti non ne riporti mai.  Ma ecco una che ti smentisce.
 
http://www.amigaforever.com/games/ (http://www.amigaforever.com/games/)
 
 
Amiga Games
Depending on who you ask, the Amiga is (or was) either a great computer, or the ultimate games machine, or both. Amiga Forever itself covers this topic in depth in its historical sections (e.g. in the videos (http://www.amigaforever.com/videos/)), where it becomes evident that what was originally conceived as a games machine, and then grew into a multimedia computer with a multitasking operating system, also had to be constantly reinvented as both technology and market conditions evolved.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 23 Febbraio 2015, 18:28:14
Forse perché non passo il tempo cercando disperatamente a destra e a manca roba per portare acqua al mio mulino, e riportando roba che mi smentisce? Adesso pure Amiga Forever: fonte storicamente attendibile.

Se la ricerca storica dovesse seguire i tuoi criteri, dovremmo prendere per buono il fatto che un certo Gesù fosse realmente resuscitato circa 2 mila anni fa. Lo dicono i vangeli, dunque perché non dovergli credere? Oste, com'è il vino?

Quanto alle fonti, io ne ho riportate. Ma ovviamente le hai sistematicamente evitate. Chissà perché...
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 23 Febbraio 2015, 18:33:55
Amiga.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 23 Febbraio 2015, 18:35:11
Fammi capire: Commodore spacciava il 64 come personal computer, e l'Amiga come home computer?

Osteeeeee, mi sa che hai bevuto troppo. ;D
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 23 Febbraio 2015, 18:35:51
Quindi a questo punto Gesù è realmente resuscitato. Lo dicono i vangeli, no? Perché non credergli?
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 23 Febbraio 2015, 18:57:25
Quindi per non far incarognire qualcuno devo abdicare a riportare fatti e argomentazioni sull'argomento e mostrare come stavano le cose?

In buona sostanza i fondamentalisti che hanno massacrato i vignettisti in Francia avevano ragione: la religione è meglio non toccarla, perché qualcuno potrebbe incazzarsi e fare una strage.

Ma che senso ha discutere, allora? Un forum non serve a questo? Su un determinato argomento ognuno esponga le proprie tesi, liberamente. Chi legge, SE è interessato, avrà modo di farsi un'idea sulla questione. Chi non è interessato, o si è urtato, può benissimo saltare a pié pari il thread e leggere altro. Sic et simpliciter.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 23 Febbraio 2015, 19:00:53
dovremmo prendere per buono il fatto che un certo Gesù fosse realmente resuscitato circa 2 mila anni fa. Lo dicono i vangeli, dunque perché non dovergli credere? Oste, com'è il vino?


Quindi a questo punto Gesù è realmente resuscitato. Lo dicono i vangeli, no? Perché non credergli?


La religione si lascia fuori da questo thread.  Considero questi commenti offensivi e inappropriati.  Edita.
 
Se la ricerca storica dovesse seguire i tuoi criteri,

Io cito quello e' stato scritto 20 - 30 anni fa, non un libro pubblicato di recente.
 
 
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 23 Febbraio 2015, 19:04:10
dovremmo prendere per buono il fatto che un certo Gesù fosse realmente resuscitato circa 2 mila anni fa. Lo dicono i vangeli, dunque perché non dovergli credere? Oste, com'è il vino?


Quindi a questo punto Gesù è realmente resuscitato. Lo dicono i vangeli, no? Perché non credergli?


La religione si lascia fuori da questo thread.
E' un paragone. Figura retorica che si usa in una discussione.
Citazione
Considero questi commenti offensivi e inappropriati.  Edita.
Ma neanche per sogno: non esiste nessuna offesa. Vocabolario alla mano. Ma puoi sempre dimostrarmi il contrario.

Poi che faresti? Mi manderesti qualche terrorista sotto casa per lavare l'eresia che ho proferito?
Citazione
Se la ricerca storica dovesse seguire i tuoi criteri,

Io cito quello e' stato scritto 20 - 30 anni fa, non un libro pubblicato di recente.
Idem. Dunque rispondi a questo: il Commodore 64 è un personal computer e l'Amiga un home computer? Perché questi sono i "fatti" che hai riportato.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 23 Febbraio 2015, 19:51:09
dovremmo prendere per buono il fatto che un certo Gesù fosse realmente resuscitato circa 2 mila anni fa. Lo dicono i vangeli, dunque perché non dovergli credere? Oste, com'è il vino?


Quindi a questo punto Gesù è realmente resuscitato. Lo dicono i vangeli, no? Perché non credergli?


La religione si lascia fuori da questo thread.
E' un paragone. Figura retorica che si usa in una discussione.


In un sito che si basa prevalentemente sulla tecnologia, l'informatica, e la robotica con filosofie legate alla cybercultura (quindi con premessa scientifica) un paragone con la religione non e' applicabile e di fatto fuori posto.


Citazione
Considero questi commenti offensivi e inappropriati.  Edita.
Ma neanche per sogno: non esiste nessuna offesa. Vocabolario alla mano. Ma puoi sempre dimostrarmi il contrario.

Poi che faresti? Mi manderesti qualche terrorista sotto casa per lavare l'eresia che ho proferito?


No. Ma dimostri semplicemente il basso livello a cui sei arrivato, insinuando che io sia in contatto con gruppi terroristici e' una offesa a livello personale.


Citazione
Se la ricerca storica dovesse seguire i tuoi criteri,

Io cito quello e' stato scritto 20 - 30 anni fa, non un libro pubblicato di recente.
Idem. Dunque rispondi a questo: il Commodore 64 è un personal computer e l'Amiga un home computer? Perché questi sono i "fatti" che hai riportato.


I fatti che ho riportato dimostrano come i termini Personal Computer e Home computer erano equivalenti e intercambiabili.  Non solo per la Commodore ma anche per altre aziende come la Electronic Art.


La separazione definitiva che vuoi dare tu, nella tua definizione, non esite.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 23 Febbraio 2015, 20:01:46
dovremmo prendere per buono il fatto che un certo Gesù fosse realmente resuscitato circa 2 mila anni fa. Lo dicono i vangeli, dunque perché non dovergli credere? Oste, com'è il vino?


Quindi a questo punto Gesù è realmente resuscitato. Lo dicono i vangeli, no? Perché non credergli?


La religione si lascia fuori da questo thread.
E' un paragone. Figura retorica che si usa in una discussione.


In un sito che si basa prevalentemente sulla tecnologia, l'informatica, e la robotica con filosofie legate alla cybercultura (quindi con premessa scientifica) un paragone con la religione non e' applicabile e di fatto fuori posto.
Questo l'avresti deciso tu? E' una discussione, e quello utilizzato è un banale paragone. Non c'entra nulla il sito.
Citazione
Citazione
Considero questi commenti offensivi e inappropriati.  Edita.
Ma neanche per sogno: non esiste nessuna offesa. Vocabolario alla mano. Ma puoi sempre dimostrarmi il contrario.

Poi che faresti? Mi manderesti qualche terrorista sotto casa per lavare l'eresia che ho proferito?


No. Ma dimostri semplicemente il basso livello a cui sei arrivato, insinuando che io sia in contatto con gruppi terroristici e' una offesa a livello personale.
Relax: non ho mai insinuato nulla del genere. Era soltanto un'esagerazione sulla scorta dei recenti fatti recentemente accaduti in Francia, che dimostrano come la libertà di parola risulti minacciata dalla religione (come peraltro è emerso anche da ciò che il sig. Bergoglio ha detto proprio in merito). Con la scusa delle presunte offese si vorrebbe chiudere la bocca a chi la pensa diversamente.
Citazione
Citazione
Se la ricerca storica dovesse seguire i tuoi criteri,

Io cito quello e' stato scritto 20 - 30 anni fa, non un libro pubblicato di recente.
Idem. Dunque rispondi a questo: il Commodore 64 è un personal computer e l'Amiga un home computer? Perché questi sono i "fatti" che hai riportato.


I fatti che ho riportato dimostrano come i termini Personal Computer e Home computer erano equivalenti e intercambiabili.
La cosa certa è che il reparto marketing di Commodore ha cercato di vendere i suoi prodotti in qualunque settore, spacciandoli ora come home computer, ora come personal computer, in base alla convenienza.
Citazione
Non solo per la Commodore ma anche per altre aziende come la Electronic Art.
Che "casualmente" era interessata all'aspetto ludico della macchina...
Citazione
La separazione definitiva che vuoi dare tu, nella tua definizione, non esite.
Veramente ho riportato anche la TUA fonte, Wikipedia, che dà una definizione dei due termini. Mi dici perché adesso non ti va bene, mentre prima l'avevi prontamente riportata? Perché non rispondi chiaramente una buona volta? Perché nella TUA fonte esistono i due termini? Perché il Commodore 64 viene etichettato come home computer? E l'Amiga come personal computer? Rispondi.

EDIT. Dimenticavo: in questo sito si è già parlato altre volte di religione.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: AmigaCori - 23 Febbraio 2015, 21:17:14
@all
Ci sono un po' troppe citazioni da riprendere, moderare, quindi mi limitero' a fare un discorso generale.

Questo topic parla della diatriba home vs personal, mi pare fuoriluogo far notare che sia una diatriba inutile perche' se gli utenti ritengono tale topic incutile possono semplicemente non parteciparvi e coloro che vogliono parteciparvi devono farlo nel rispetto della persona che puo' avere opinione diversa dalla propria.

Non voglio entrare nel merito delle frecciatine, sparate e varie insinuazioni fatte perche' non sono una maestrina che deve spiegarvi ed educarvi.

@cdimauro&Nonefow
Mi pare palese che siate arrivati ad un punto morto: avete due idee diverse sullo stesso argomento, potete continuare a discutere quanto vi pare, nessun problema, pero' DOVETE considerare l'eventualita' "che forse" nessuno dei due dara' mai ragione all'altro a prescindere dalle prove o ragionamenti logici forniti.

Uno ha il sacrosanto diritto di difendere il proprio punto di vista MA non puo' "obbligare" una persona a darvi ragione.

Fatevene una ragione e non scadete sul personale come gia' avete fatto.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 23 Febbraio 2015, 23:25:21
mi sono appena meravigliato dello Sharp MZ-80B Personal Computer  :o :o :o

un tape completamente autonomo (doppia testina erase & read/write) ed integrato in un copetto che integra anche un CRT
semba uno di quei cosi che si incassano nei mobili in metallo degli studi di regia tra mille e mila levate, bottoni, e slitte X______X

L'avevo gia' visto!, guarda, ha anche l'asticina per quando apri il cofano!!! hahaha

(http://akiba-pc.watch.impress.co.jp/img/ah/docs/606/699/mz805.jpg)




Ero quasi sicuro che avevo visto anche un PET con l'asticina.  Eccolo qua.


(http://www.wikinoticia.com/images2/alt1040.hipertextual.com/files/2013/03/Commodore-PET-Interior-800x532.jpg)
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 23 Febbraio 2015, 23:53:09
(http://4.bp.blogspot.com/-pr976eXptW4/UtcbwViXFsI/AAAAAAAAYxo/jGTgyEz6RlQ/s1600/SCAN4520-1986.JPG)
(http://media-cache-ec0.pinimg.com/736x/c6/fa/32/c6fa32020c48486ba292fbf14fd518ea.jpg)
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Nonefonow - 23 Febbraio 2015, 23:55:05
In questo articolo sull' Amiga si usano entrambi i termini.  (http://en.wikipedia.org/wiki/Amiga)http://en.wikipedia.org/wiki/Amiga[/url][/font]
 
 
 In questo articolo gli Home Computer sono parte di un certo gruppo di Personal Computers
(http://en.wikipedia.org/wiki/Home_computer)[/color]http://en.wikipedia.org/wiki/Home_computer[/size][/url][/font]
 
 
 In questo articolo il C64 e l"Amiga (e tanti altri) sono parte dei Personal Computers
(http://en.wikipedia.org/wiki/Personal_computer)[/color]http://en.wikipedia.org/wiki/Personal_computer[/size][/url][/font]
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 24 Febbraio 2015, 05:55:38
Sul materiale markettaro di Commodore mi sono già espresso, dunque evito di pronunciarmi.

In questo articolo sull' Amiga si usano entrambi i termini.  http://en.wikipedia.org/wiki/Amiga
Dunque accetti il fatto che i due termini esistono e sono utilizzati per classificare i computer dell'epoca. E' già un passo avanti.

Riguardo a quel link:

"The Amiga is a family of personal computers sold by Commodore in the 1980s and 1990s."

Ma subito dopo si contraddice, perché riporta:

"The first model was launched in 1985 as a high-end home computer"

Infatti se leggiamo la pagina dell'Amiga 1000: http://en.wikipedia.org/wiki/Amiga_1000
Non c'è la minima traccia della parola home, com'è ovvio che sia.
Citazione
In questo articolo gli Home Computer sono parte di un certo gruppo di Personal Computers http://en.wikipedia.org/wiki/Home_computer

Riporto la frase per intero dall'intestazione:

"This article is primarily about a certain class of Personal computers from the late 1970s to mid-1980s. See home server and home automation or desktop computer for other uses of a computer in a home."

Qui il significato è chiaramente quello di computer personale, casalingo, come già spiegato prima.

Ma subito dopo, alla prima frase dell'articolo troviamo:

"Home computers were a class of microcomputers entering the market in 1977, and becoming common during the 1980s"

Andiamo a vedere cosa dice la voce microcomputers: http://en.wikipedia.org/wiki/Microcomputer

"A microcomputer is a small, relatively inexpensive computer with a microprocessor as its central processing unit (CPU).
[...]
Many microcomputers (when equipped with a keyboard and screen for input and output) are also personal computers (in the generic sense)."
Da notare la frase in parentesi dopo "personal computer", e come in generale si apprendo leggendo il resto della voce.

Da notare l'immagine del Commodore 64 subito sulla destra, dove viene riportato:

"The Commodore 64 was one of the most popular microcomputers of its era, and is the best-selling model of home computer of all time."

Tornando alla voce home computer:

"They were marketed to consumers as affordable and accessible computers that, for the first time, were intended for the use of a single nontechnical user. These computers were a distinct market segment that typically cost much less than business, scientific or engineering-oriented computers of the time such as the IBM PC,[1] and were generally less powerful in terms of memory and expandability. However, a home computer often had better graphics and sound than contemporary business computers. Their most common use was playing video games."

Ma l'avevo già riportato.
Citazione
In questo articolo il C64 e l"Amiga (e tanti altri) sono parte dei Personal Computers http://en.wikipedia.org/wiki/Personal_computer
No, hai letto male. Riporto tutto per intero dove vengono citati:

"During the early 1980s, home computers were further developed for household use, with software for personal productivity, programming and games. They typically could be used with a television already in the home as the computer display, with low-detail blocky graphics and a limited color range, and text about 40 characters wide by 25 characters tall. Sinclair Research,[9] a UK company, produced the ZX Series - the ZX80 (1980), ZX81 (1981), and the ZX Spectrum; the latter was introduced in 1982, and totaled 8 million unit sold. Following came the Commodore 64, totaled 17 million units sold. Another such computer, the NEC PC-98, sold more than 18 million units. The revolutionary Amiga 1000 was unveiled by Commodore on July 23, 1985 at the Vivian Beaumont Theater in the Lincoln Center in New York. The Amiga 1000 featured a multitasking, windowing operating system, color graphics with a 4096-color palette, stereo sound, Motorola 68000 CPU, 256 kB RAM, and 880 kB 3.5-inch disk drive, for US$1,295."

Dunque il Commodore 64 viene citato assieme agli home computer e non in quanto personal computer. D'altra parte basti vedere la sua voce: http://en.wikipedia.org/wiki/Commodore_64

"The Commodore 64, also known as the C64, C-64, C= 64,[n 1] or occasionally CBM 64 or VIC-64,[5] is an 8-bit home computer introduced in January 1982 by Commodore International."

Viene correttamente classificato come home computer.

Tornando alla voce personal computer, anche l'Amiga viene citato subito dopo, ma il contesto non è molto chiaro, perché il C64 viene elencato fra i vari home computer, mentre Amiga e NEC (prima di lui) sono stati inserimenti a parte.

In generale le voci di Wikipedia relative alle specifiche macchine sono di gran lunga più accurate di quelle generiche che parlano di computer (home, micro, e personal).
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: paolone - 24 Febbraio 2015, 09:04:22
Ero quasi sicuro che avevo visto anche un PET con l'asticina.  Eccolo qua.

(http://www.wikinoticia.com/images2/alt1040.hipertextual.com/files/2013/03/Commodore-PET-Interior-800x532.jpg)

Come faccia a non ribaltarsi, considerando il peso del tubo catodico e la sya posizione rispetto alla base, è un mistero che solo l'osservazione diretta del soggetto, visto da angolazioni migliori, potrà risolvere...
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: paolone - 24 Febbraio 2015, 09:18:05
@Tutti

Per favore, non prendere le pubblicità come documentazione storica. Il linguaggio del marketing cambia in base alle esigenze e ai gusti dell'epoca. Se per il marketing aveva senso parlare di 'home' computer, scrivevano home computer. Se per altri motivi si preferiva evitarlo, parlavano di 'personal' computer. L'esempio del C128 e dell'Amiga sono lampanti. In base a quale principio un C128 possa essere 'personal' e un Amiga 500 'home' solo Commodore poteva saperlo. La realtà è che con il primo si cercava di elevarne un po' la livrea rispetto al C64 (home computer per eccellenza), mentre col secondo si tentava proprio di piazzarlo nello stesso mercato che fu del C64, usando il termine 'home computer', più rassicurante. Lo scopo delle pubblicità è vendere, non documentare.

@Cdimauro

Il problema di queste lunghe discussione e del mondo in cui ti poni, non è tanto il fatto che alla fine rischi di sembrare un segaiolo mentale che combatte battaglie futili cercando di ottenere il consenso unanime per sfinimento (cosa che secondo me finisce per svilire e per danneggiare la tua immagine indipendentemente dal fatto che tu abbia davvero ragione o meno), ma, più banalmente, è il fatto che a furia di innestare citazioni su citazioni, si perde addirittura il filo del discorso. Per esempio, leggendo le ultime pagine non capisco quasi più quale sia la tua posizione originaria, e non ho davvero voglia di rileggere tutto quanto. Segui il consiglio di uno stupido: io dico la mia, gli altri dicono la loro, e quando le posizioni restano distanti lascio perdere, tanto nessuno le cambierà.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: TheKaneB - 24 Febbraio 2015, 09:21:17
Devo mettere un "quoto @paolone" direttamente in firma :)
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Amig4be - 24 Febbraio 2015, 10:50:33
@Paolone

quoto, alla fine l'effetto complessivo della discussione per chi legge è quello di Rain Man che ripete: "chi gioca in prima base" finché a qualcuno non saltano i nervi (nel film, al fratello).
Una volta che tutti i punti di vista sono stati esposti, non ha più senso andare avanti all'infinito.

http://youtu.be/7LtNujHq08g
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: lucommodore - 24 Febbraio 2015, 12:40:20
Per favore, non prendere le pubblicità come documentazione storica. Il linguaggio del marketing cambia in base alle esigenze e ai gusti dell'epoca. Se per il marketing aveva senso parlare di 'home' computer, scrivevano home computer. Se per altri motivi si preferiva evitarlo, parlavano di 'personal' computer. L'esempio del C128 e dell'Amiga sono lampanti. In base a quale principio un C128 possa essere 'personal' e un Amiga 500 'home' solo Commodore poteva saperlo. La realtà è che con il primo si cercava di elevarne un po' la livrea rispetto al C64 (home computer per eccellenza), mentre col secondo si tentava proprio di piazzarlo nello stesso mercato che fu del C64, usando il termine 'home computer', più rassicurante. Lo scopo delle pubblicità è vendere, non documentare.

Io credo di essere arrivato ad una conclusione e, secondo me, è proprio la documentazione commerciale del produttore a dover essere presa come unico punto di riferimento perché, non essendo questi "Home Computer" e "Personal Computer" in alcun modo delle definizioni bensì, semplicemente, espressioni descrittive di prodotti, stabilite dal marketing dell'epoca, TUTTO il resto, ovvero ciò che sostiene il cdimauro, è qualcosa di successivo, qualcosa che riguarda il mero "gergo" che gli addetti ai lavori utilizzavano per loro esclusiva comodità. E tale gergo non conta nulla a livello oggettivo e non può avere alcun valore storico ma ha senz'altro, in qualche modo, influito sulle decisioni degli addetti al marketing.
Mi spiego meglio...
Nel primissimo periodo di commercializzazione del C=64, quando ancora costava un po' (anche se molto meno rispetto ai competitors), i markettari gli diedero l'appellativo "MicroComputer" perché doveva essere chiaro il fatto che si stava proponendo al mercato un vero computer "in miniatura", ovvero qualcosa di studiato, a livello ingegneristico, per essere piccolino, costare poco e valere tanto quanto un vero computer. Teniamo presente che era l'IBM PC ai tempi il PC che aveva il 60% delle quote di mercato e che "Personal Computer" fu proprio il titolo che l'IBM stessa scelse per il suo prodotto. Ebbene il C=64 era grossomodo potente come quel modello base di IBM PC e, anche se non aveva le stesse possibilità di espansione né il DOS, aveva 64K di RAM, il Basic, eccetera.
Nel periodo di commercializzazione successivo e per parecchi anni a venire, quando il Commie venne proposto a meno di 200 $, il messaggio markettaro da passare era che chiunque, con 4 soldi, poteva permettersi un vero "Personal Computer", acquistando il C=64.
Fu abbastanza naturale come scelta perché la domanda cresceva (tutti volevano un vero computer che non avevano mai avuto) e così veniva passato un messaggio pubblicitario che permetteva di soddisfarla insieme con un prezzo basso senza eguali.

Premesso questo, ovvio è che, poco tempo dopo, l'intero mercato diveniva più "sgamato" e gli addetti ai lavori trovavano quindi il modo più comodo (e prosaico) di differenziare l'offerta professionale da quella consumer là dove i "Personal Computer" veniva venduto ad aziende e professionisti mentre gli "Home Computer" erano per tutti: adulti senza troppe pretese, videogamer, bimbi, famiglie, ecc.
Noi tendiamo a fare un grandissimo errore quando valutiamo certe situazioni/scelte di marketing: non ragioniamo per ciò che realmente era il target del marketing di Corporate ovvero i suoi clienti che NON sono mai stati i consumatori, bensì i distributori che vendevano ai negozianti che vendevano agli utenti finali.
In tale contesto, il lavoro del marketing non era affatto semplice ed occorre che ce ne rendiamo conto (prima di pensare sempre che i markettari dei tempi fossero tutti dei coglioni) perché quello era un mercato che nasceva e non era per niente facile correrci dietro, anche per il semplice fatto che i distributori, ovvero chi rivendeva ai negozianti, professionisti, addetti ai lavori, senz'altro avevano tante realtà diverse da servire tra le quali poteva esserci di tutto: dai venditori super-pro che servivano solo le aziende ai negozi di computer in centro città che servivano le famiglie, dai negozi di giocattoli più evoluti (che, di certo, non vendevano IBM o Apple) ai "piazzisti" locali di ogni genere.
Ergo fu naturale (e non stabilito a monte a livello di corporate) che si sviluppasse internamente al settore un gergo che grossomodo poteva aiutare a differenziare una tipologia di prodotto da un'altra, cosa che avviene ancora oggi nella stragrande maggioranza dei settori dove è presente l'elettronica (es. il settore elettrico, dell'illuminazione, della sicurezza, eccetera).
Un modo per verificare tutto ciò è di cercare i listini dei distributori dell'epoca che, per ovvi motivi, nel tempo si dovevano adattare al gergo dei professionisti del settore, loro clienti. Questo mentre il marketing di corporate doveva, invece, accontentare un po' tutti nella catena di commercializzazione.

Quindi arriviamo ai tempi di Amiga, quando tra i professionisti/negozianti (più o meno consapevoli a livello generale ma senz'altro più dei loro clienti finali, ovvero noi consumatori) che compravano dai distributori, la distinzione era grossomodo diventata, nel gergo professionale, "Personal Computer" per chi vendeva nel mercato professionale e "Home computer" per i computer adibiti per lo più al videogaming che venivano richiesti a fiumi pressoché ovunque.
E' piuttosto naturale che, in tale contesto, il marketing di corporate si trovava nella condizione di dover mescolare in qualche maniera le due espressioni "Home" e "Personal" perché, ad esempio, un Amiga alla sua uscita nell'87 era sia un computer potenzialmente professionale della madonna sia, sempre potenzialmente, il miglior computer per giocare in assoluto. Se il marketing avesse dichiarato l'Amiga puramente come "Personal computer" ci sarebbe stato il rischio di non vendere ai videogiocatori e, allo stesso modo, se l'avesse dichiarato soltanto "Home Computer", il rischio sarebbe stato quello di non passare le sue potenzialità videoludiche che, ricordiamolo, erano ai tempi ciò che portava un computer a vendere un'infinità di pezzi in più.
Da qui e solo da qui ne derivò il fatto che, nei box, nelle scocche, nella manualistica di Amiga si ritrovavano un po' entrambe le espressioni "Home" e "Personal".
Immaginiamo l'agente del distributore XYZ che si presentava dal negoziante GIGIO presso il suo punto vendita in centro a Forlimpopoli, è chiaro che a GIGIO interessava vendere computer alle famiglie e, così, poteva proporgli l'Home computer Amiga da rivendere ai suoi clienti.
Allo stesso modo lo stesso agente poteva recarsi presso il service per aziende HKW (che non vendeva al dettaglio) e proporgli il Personal Computer Amiga.

Il motivo per il quale il Commie sulla documentazione e sulla pubblicità ufficiali era dichiarato più "Personal" mentre l'appellativo più frequente (ma non l'unico) per Amiga era "Home", era per renderli più proponibili ai target di riferimento a livello di commercializzazione. And that's all! ;D

Quindi credo sia giusta la posizione di Nonefonow ma non è del tutto errata quella del cdimauro perché il primo riporta come venivano utilizzati gli appellativi "Home" e "Personal" a livello ufficiale (di corporate, della C=), il secondo fa riferimento al gergo professionale dei tempi (distributori e negozianti).
La differenza è tutta qua e, per me non ha proprio senso cercare di imporre definizioni universali su cose come queste: o si prende per buona la documentazione ufficiale (ben più autorevole) o si decide di fare riferimento al gergo professionale (per pura comodità) che, però, non è e non sarà mai qualcosa che determina le definizioni universali, altrimenti i "frutti", invece che mele e pere, sarebbero universalmente le prese elettriche, gli interruttori e i vari moduli che troviamo nelle scatoline incassate nei muri di tutte le case (e si possono fare 1000 esempi del genere).


Il problema di queste lunghe discussione e del mondo in cui ti poni, non è tanto il fatto che alla fine rischi di sembrare un segaiolo mentale che combatte battaglie futili cercando di ottenere il consenso unanime per sfinimento (cosa che secondo me finisce per svilire e per danneggiare la tua immagine indipendentemente dal fatto che tu abbia davvero ragione o meno), ma, più banalmente, è il fatto che a furia di innestare citazioni su citazioni, si perde addirittura il filo del discorso. Per esempio, leggendo le ultime pagine non capisco quasi più quale sia la tua posizione originaria, e non ho davvero voglia di rileggere tutto quanto. Segui il consiglio di uno stupido: io dico la mia, gli altri dicono la loro, e quando le posizioni restano distanti lascio perdere, tanto nessuno le cambierà.
E magari, per non cascare così tanto sul Razzo alla gente, evitare di mettere in ignore chi vota diversamente da sé (e/o i loro compari) aiuta... ::)
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: AmigaCori - 24 Febbraio 2015, 13:20:54
Come faccia a non ribaltarsi, considerando il peso del tubo catodico e la sya posizione rispetto alla base, è un mistero che solo l'osservazione diretta del soggetto, visto da angolazioni migliori, potrà risolvere...

ahahah stesso dubbio che e' venuto anche a me  :D :D :D

...

Beh :D siamo in 3 allora!  ;D

Avranno piombato il frontale stile Porsche (metteva piombo nei paraurti per ovviare alle incapacita' progettuali :D e rattoppare le sue "supercar")! °_°

@lucommodore
Hai espresso con 75 cm di messaggio cio' che piu' o meno e' l'idea che mi ero fatto della discussione.
:D

Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: lucommodore - 24 Febbraio 2015, 13:32:27
@legacy
mah... secondo me compare, 2 picconate alla Clerici incartapecorita gliele daresti lo stesso... :P
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 24 Febbraio 2015, 16:15:03
@Tutti

Per favore, non prendere le pubblicità come documentazione storica. Il linguaggio del marketing cambia in base alle esigenze e ai gusti dell'epoca. Se per il marketing aveva senso parlare di 'home' computer, scrivevano home computer. Se per altri motivi si preferiva evitarlo, parlavano di 'personal' computer. L'esempio del C128 e dell'Amiga sono lampanti. In base a quale principio un C128 possa essere 'personal' e un Amiga 500 'home' solo Commodore poteva saperlo. La realtà è che con il primo si cercava di elevarne un po' la livrea rispetto al C64 (home computer per eccellenza), mentre col secondo si tentava proprio di piazzarlo nello stesso mercato che fu del C64, usando il termine 'home computer', più rassicurante. Lo scopo delle pubblicità è vendere, non documentare.
E' da un pezzo che provo a dirlo...
Citazione
@Cdimauro

Il problema di queste lunghe discussione e del mondo in cui ti poni, non è tanto il fatto che alla fine rischi di sembrare un segaiolo mentale che combatte battaglie futili cercando di ottenere il consenso unanime per sfinimento (cosa che secondo me finisce per svilire e per danneggiare la tua immagine indipendentemente dal fatto che tu abbia davvero ragione o meno), ma, più banalmente, è il fatto che a furia di innestare citazioni su citazioni, si perde addirittura il filo del discorso.
Chiaro, ma non è che abbia fatto ricorso a continue citazioni; tutt'altro. Se ti riferisci all'ultimo commento, erano state citate 3 fonti, e le ho sviscerate per mostrare come stanno realmente le cose rispetto a quanto reclamizzato su/con esse.
Citazione
Per esempio, leggendo le ultime pagine non capisco quasi più quale sia la tua posizione originaria, e non ho davvero voglia di rileggere tutto quanto.
E' sempre la stessa. Riporto l'ultima occorrenza, che fa anche chiarezza anche sui due diversi significati della parola "personal":

"Chiaro. Ed è normale che sia gli home sia i personal computer fossero computer... personali. Personal, con questo significato, abbraccia entrambe le tipologie di prodotti, perché non parliamo più di computer aziendali oppure "affittati".

Ma personal (computer) identifica anche una fascia di mercato / tipologia di dispositivi orientata al business/produttività personale, che si contrappone a quella degli home (computer) che era orientata, invece, all'intrattenimento videoludico.

Sono due concetti diversi che non vanno mischiati, anche se sono relazionati. Infatti l'idea di personal computer non nasce certo col PC di IBM, ma è con questo che assume il significato moderno che conosciamo oggi e che, al contempo, ha portato alla differenziazione dei dispositivi prevalentemente ludici di cui sopra che sono stati chiamati home computer, per l'appunto.

Se Commodore 64, 128, ZX Spectrum, ecc. sono classificati come home computer, mentre PC, Macintosh, Amiga, Atari ST, ecc. sono classificati come personal computer è per questa ragione, e non per il fatto che erano "per uso personale". Perché lo erano tutti: sia home sia personal computer...
"
Citazione
Segui il consiglio di uno stupido: io dico la mia, gli altri dicono la loro, e quando le posizioni restano distanti lascio perdere, tanto nessuno le cambierà.
Però è anche così che si generano e alimentano le leggende metropolitane. Io penso che parlando di tecnologia dovrebbe essere generalmente possibile stabilire come stiano le cose. Non come le classiche discussioni da bar sul calcio (per quanto possano valere).

Comunque mi sembra che rispetto alla precedente faida il clima sia nettamente migliorato.
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: lucommodore - 24 Febbraio 2015, 16:26:19
Però è anche così che si generano e alimentano le leggende metropolitane...
un po' come quella immane Razzata che il SID possa essere perfettamente emulato con strumenti digitali attuali...

Io penso che parlando di tecnologia dovrebbe essere generalmente possibile stabilire come stiano le cose. Non come le classiche discussioni da bar sul calcio (per quanto possano valere).
e difatti le cose stanno che "Home" e "Personal" erano appellativi dati dal marketing mentre, per il resto, è come vedere una femmina e giudicarla "strafiga" o "trombabile"...
Dalle mie parti, ai tempi si dava un voto da 1 a 10 e, dal 4,5 in su, se ti voleva e non ci stavi voleva dire che eri omosessuale. Eh son concetti universali questi, no? ???
Poi basta chiedere al compare legacy che ne pensa della Clerici... :P

Comunque mi sembra che rispetto alla precedente faida il clima sia nettamente migliorato.
Sarà senz'altro per merito tuo...
Ma perché ora mi viene da vomitare? :o
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Amig4be - 24 Febbraio 2015, 16:37:08
@lucommodore
a proposito di SID, su youtube ho beccato delle famose tracce (tra cui guarda caso due delle mie preferite in assoluto: Driller e Hawkeye) visualizzate con l'oscilloscopio.
Mi chiedo se si tratti di una semplice curiosità o se in quelle forme d'onda ci sia qualche effetto del discorso: sid emulato, sid non emulato.
Ieri pensavo di riesumare il thread in questione, ma non ricordavo quale fosse... quindi apro un piccolo off topic:

ecco la playlist
http://youtu.be/_J8tiAF6JEk?list=PLXhLeiiveJmNhFf5ShVwwXspGfgt-ww8c
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: TheKaneB - 24 Febbraio 2015, 17:18:54
Perdonatemi, ma credo che sia doverosa questa, giusto per sdrammatizzare la situazione
(http://imgs.xkcd.com/comics/duty_calls.png)

Ok, vado :D
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: Z80Fan - 24 Febbraio 2015, 18:13:01
un po' come quella immane Razzata che il SID possa essere perfettamente emulato con strumenti digitali attuali...

Non è una leggenda: come avevo già detto, si può fare; il fatto che nessuno l'abbia fatto è un altro discorso, così come si può fare una macchina che va a scorregge di mucca ma nessuno lo ha mai fatto. :P

Mi chiedo se si tratti di una semplice curiosità o se in quelle forme d'onda ci sia qualche effetto del discorso: sid emulato, sid non emulato.
Ieri pensavo di riesumare il thread in questione, ma non ricordavo quale fosse...
http://www.nonsoloamiga.com/index.php?topic=2933.90

ecco la playlist
http://youtu.be/_J8tiAF6JEk?list=PLXhLeiiveJmNhFf5ShVwwXspGfgt-ww8c

Figata! Anche se dalla descrizione sembra che siano prese da un player e non da una macchina originale (mi sembravano infatti un po' troppo pulite)... se si avessero simili tracce prese da un C64 vero si potrebbero vedere le differenze e inserire i filtri giusti nel player stesso per migliorare la fedeltà...
Titolo: Re:home vs personal computer
Inserito da: cdimauro - 24 Febbraio 2015, 19:24:02
Perdonatemi, ma credo che sia doverosa questa, giusto per sdrammatizzare la situazione
(http://imgs.xkcd.com/comics/duty_calls.png)

Ok, vado :D
Ci sta tutta. :)