Autore Topic: Xerox e le sue invenzioni.  (Letto 6558 volte)

Offline lollo anto

  • Byte Addicted
  • ****
  • Post: 37
  • Karma: +0/-0
  • http://www.ituoiappunti.org
    • Mostra profilo
Re:Xerox e le sue invenzioni.
« Risposta #15 il: 24 Giugno 2013, 23:24:23 »
allora mi sbaglio, scusa  ;)

Offline lucommodore

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 6176
  • Karma: +48/-9
    • Mostra profilo
Re:Xerox e le sue invenzioni.
« Risposta #16 il: 24 Giugno 2013, 23:58:28 »
allora mi sbaglio, scusa  ;)
Certo che ti sbagli compare: il monitor l'ho inventato io! :P
Solo chi è folle sfida le sue molle!
http://www.questolibro.it/retro-garage << Scambio/Vendo RetroGame

Offline lollo anto

  • Byte Addicted
  • ****
  • Post: 37
  • Karma: +0/-0
  • http://www.ituoiappunti.org
    • Mostra profilo
Re:Xerox e le sue invenzioni.
« Risposta #17 il: 25 Giugno 2013, 00:20:23 »
ahhahahahahahahahaha, sei simpatico  ;D

Offline Z80Fan

  • Administrator
  • Guru
  • *****
  • Post: 1669
  • Karma: +13/-2
    • Mostra profilo
    • http://z80fan.altervista.org
Re:Xerox e le sue invenzioni.
« Risposta #18 il: 25 Giugno 2013, 00:45:21 »
allora mi sbaglio, scusa  ;)
Non serve che ti scusi, qua dentro c'è gente pacifica e non ce la prendiamo mai. :D (stai solo attento a quel tizio con l'ascia e ricordati di non fare mai critiche al Commodore 64 quando lui è nei paraggi).

Tornando al monitor: no, Apple non lo ha inventato proprio; monitor inteso come schermo su cui visualizzare informazioni esisteva almeno da 20 anni! :D
Prendi anche solo uno dei computer più famosi, il PDP-1, aveva uno schermo vettoriale dotato anche di light-pen (un aggeggio che permetteva di puntare una posizione sullo schermo e farla registrare al computer, tipo un touch-screen), ed è stato usato da un gruppo di studenti del MIT per realizzare uno dei primissimi videogame della storia: Spacewar!


Spacewar! su PDP-1


Riguardo l'Altair 8800 (così come l'IMSAI 8080), non aveva di serie un terminale grafico (di serie non aveva niente praticamente), e molti si interfacciavano con una telescrivente come la diffusa ASR-33, mentre i più ricchi si permettevano un terminale video (i cosiddetti "glass teletype") tipo il ADM-3a.

L'"innovazione" dell'Apple I è stata l'integrare direttamente nella scheda madre una specie di terminale video, collegabile a un normale televisore, in modo da abbassare il costo necessario per tutto il sistema, ma era comunque un sistema molto primitivo anche comparato con le telescriventi a carta (nonostante fosse un gioiellino di progettazione del Woz).

Solo l'Apple ][ ha introdotto una vera visualizzazione grafica a colori, ma a quel punto c'erano già altri concorrenti al mercato, perchè nel 1977 uscirono anche il TRS-80 e il PET 2001; se andiamo sui sistemi più oscuri, c'è anche il CompuColor Che aveva una modalità grafica a colori e ad "alta" risoluzione già nel 1975 (ovvero l'anno di uscita dell'Altair 8800)!.

Offline lollo anto

  • Byte Addicted
  • ****
  • Post: 37
  • Karma: +0/-0
  • http://www.ituoiappunti.org
    • Mostra profilo
Re:Xerox e le sue invenzioni.
« Risposta #19 il: 25 Giugno 2013, 11:26:13 »
allora mi sbaglio, scusa  ;)
Non serve che ti scusi, qua dentro c'è gente pacifica e non ce la prendiamo mai. :D (stai solo attento a quel tizio con l'ascia e ricordati di non fare mai critiche al Commodore 64 quando lui è nei paraggi).

Tornando al monitor: no, Apple non lo ha inventato proprio; monitor inteso come schermo su cui visualizzare informazioni esisteva almeno da 20 anni! :D
Prendi anche solo uno dei computer più famosi, il PDP-1, aveva uno schermo vettoriale dotato anche di light-pen (un aggeggio che permetteva di puntare una posizione sullo schermo e farla registrare al computer, tipo un touch-screen), ed è stato usato da un gruppo di studenti del MIT per realizzare uno dei primissimi videogame della storia: Spacewar!


Spacewar! su PDP-1


Riguardo l'Altair 8800 (così come l'IMSAI 8080), non aveva di serie un terminale grafico (di serie non aveva niente praticamente), e molti si interfacciavano con una telescrivente come la diffusa ASR-33, mentre i più ricchi si permettevano un terminale video (i cosiddetti "glass teletype") tipo il ADM-3a.

L'"innovazione" dell'Apple I è stata l'integrare direttamente nella scheda madre una specie di terminale video, collegabile a un normale televisore, in modo da abbassare il costo necessario per tutto il sistema, ma era comunque un sistema molto primitivo anche comparato con le telescriventi a carta (nonostante fosse un gioiellino di progettazione del Woz).

Solo l'Apple ][ ha introdotto una vera visualizzazione grafica a colori, ma a quel punto c'erano già altri concorrenti al mercato, perchè nel 1977 uscirono anche il TRS-80 e il PET 2001; se andiamo sui sistemi più oscuri, c'è anche il CompuColor Che aveva una modalità grafica a colori e ad "alta" risoluzione già nel 1975 (ovvero l'anno di uscita dell'Altair 8800)!.

intanto grazie per la guida, mi serviva proprio  :)

ma per l'altair oltre la visualizzazione grafica, bisognava inserire un proprio linguaggio? (tipo il visual  basic giusto?)

Offline Z80Fan

  • Administrator
  • Guru
  • *****
  • Post: 1669
  • Karma: +13/-2
    • Mostra profilo
    • http://z80fan.altervista.org
Re:Xerox e le sue invenzioni.
« Risposta #20 il: 25 Giugno 2013, 15:49:31 »
ma per l'altair oltre la visualizzazione grafica, bisognava inserire un proprio linguaggio? (tipo il visual  basic giusto?)
L'Altair 8800 (che riporto in figura sotto) di base aveva assolutamente il minimo indispensabile per funzionare: un computer generico si può considerare diviso in 4 macro-categorie: dispositivi di input/output, processore, memoria centrale (la RAM), memoria di massa (disco fisso, floppy etc).

Per costare poco ed essere accessibile agli hobbysti, l'Altair 8800 aveva ZERO memoria di massa, il processore (quello è indispensabile), e pochissima RAM (256 Byte, ovvero lo 0.00001% della memoria comunemente disponibile nei PC moderni). Anche i dispositivi di input/output erano assolutamente primitivi, potendo contare solo sulle lucine rosse e gli interruttori del pannello frontale, che venivano usati sia per inserire i dati sia i programmi direttamente in linguaggio macchina:



Per rendere il computer un po' più usabile (e utile), prima di tutto era necessario potenziare l'I/O, e quello si faceva aggiungendo un'opportuna scheda seriale che permetteva di collegare la telescrivente o il terminale video come quelli del post precedente, e successivamente si inseriva una scheda che portava la memoria a 4096 oppure 8192 byte (che cominciavano a essere abbastanza per farci qualcosa).

Però il computer è ancora inutile se non hai dei programmi da farci girare, ed inserire i programmi in linguaggio macchina attraverso gli interruttori è un procedimento lungo, noioso e che comporta errori, perciò, per facilitare l'uso del computer, serve un software chiamato "sistema operativo". Ai giorni nostri abbiamo come sistemi operativi Windows, MacOS, i vari Linux, BSD, Solaris etc etc; sull'Altair era disponibile il Microsoft BASIC, che oltre a fare da sistema operativo, metteva anche a disposizione un "ambiente" per programmare in linguaggio BASIC in modo da programmare software in modo più agevole.

Attenzione! il BASIC NON E' Visual Basic: il primo è un linguaggio creato all'università di Dartmouth nel 1964, mentre il VISUAL Basic è un linguaggio creato dalla Microsoft negli anni '90, simile al Basic solo nel nome perchè in realtà sono due linguaggio ben diversi, sopratutto perchè il Visual Basic, come dice il nome, è stato progettato per permettere di programmare facilmente il software che ha un'interfaccia grafica (GUI), che negli anni dell'Altair non era pensabile avere su hardware così limitato.

Quando si dice che l'Altair aveva il "Microsoft BASIC" si intende dire che aveva un ambiente BASIC che funziona in modo simile al BASIC originale, ma programmato dalla Microsoft appositamente per l'Altair (in realtà le prime versioni si chiamavano "Altair BASIC", ma era sempre fatto dalla Microsoft).

Gli hobbysti potevano acquistare questo software dalla Microsoft o dalla MITS (la produttrice dell'Altair), e gli veniva fornito il software su nastro perforato, che poteva essere letto dalla telescrivente e caricato nell'Altair:



Successivamente, sono arrivati sistemi operativi più avanzati, come il CP/M, che aveva la capacità anche di controllare i dischi floppy in modo da avere una memoria di massa più potente (i dischi fissi non esistevano per i microcomputer, per comprarne uno dovevi vendere l'anima al diavolo da quanto erano costosi)

In questo video puoi vedere l'Altair, una telescrivente ASR-33 e il nostro perforato all'opera (anche se il nastro perforato non veniva usato per scrivere testo come in questo video, qui è usato solo come attrazione; l'utilizzo "corretto" sarebbe il salvataggio/lettura di programmi).

Operating an Historic 1975 MITS ALTAIR 8800 Computer and Printer

In realtà questo setup è veramente il top della gamma: non uno ma ben DUE lettori floppy da 5 pollici e 1/4; sarebbe costato come una macchina nuova nel 1975! :D

Se non hai problemi a ascoltare l'inglese, puoi vederti questi video che ti spiegano il funzionamento del pannello frontale e come si faceva a caricare il Microsoft BASIC e a eseguirlo (sfruttando un moderno PC per simulare la vecchia telescrivente):

Altair 8800 - Video #1 - Front Panel Introduction
Altair 8800 - Video #7 - Loading 4K BASIC from Paper Tape

E, se hai qualche soldino da buttare via, puoi comprarti una moderna replica dell'Altair per soli 621$ (ovvero il prezzo originale). ;)
http://altairclone.com/

Offline lollo anto

  • Byte Addicted
  • ****
  • Post: 37
  • Karma: +0/-0
  • http://www.ituoiappunti.org
    • Mostra profilo
Re:Xerox e le sue invenzioni.
« Risposta #21 il: 25 Giugno 2013, 17:48:13 »
grazie, Z80Fan ora mi è tutto più chiaro  :)

Offline Nonefonow

  • Guru
  • *****
  • Post: 1974
  • Karma: +36/-3
    • Mostra profilo
Re:Xerox e le sue invenzioni.
« Risposta #22 il: 01 Luglio 2013, 16:35:26 »
Come dire che la Xerox e' (era) piena di ingenieri creativi con una visione futuristica della realta' ma i dirigenti di alto livello non credevano e non avevano fiducia nelle invenzioni della societa' per cui lavoravano. 

Da un punto di vista creativo il valore di Apple e' veramente nella commericalizzazione dei propri prodotti non tanto nel prodotto stesso.

Dopo tutto un lettore MP3 e' un lettore MP3.

Offline lucommodore

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 6176
  • Karma: +48/-9
    • Mostra profilo
Re:Xerox e le sue invenzioni.
« Risposta #23 il: 01 Luglio 2013, 16:57:48 »
Zio Steve non era un inventore, bensì colui che più di ogni altro era in grado di trovare applicazioni pratiche di massa alle tecnologie incuriosendo l'intero mercato con costanza: è stato un grande (forse il più grande) fenomeno del marketing nel settore della tecnologia consumer.
Far passare lo Zio buonanima per un inventore alla Leonardo da Vinci non è solo errato ma sminuisce in effetti ciò per cui Jobs è stato tanto importante per la cybercultura.
Questo è il mio pensiero.
Solo chi è folle sfida le sue molle!
http://www.questolibro.it/retro-garage << Scambio/Vendo RetroGame

Offline TheKaneB

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 5293
  • Karma: +20/-23
    • Mostra profilo
    • http://www.antoniobarba.org
Re:Xerox e le sue invenzioni.
« Risposta #24 il: 01 Luglio 2013, 18:19:50 »
Citazione
Far passare lo Zio buonanima per un inventore alla Leonardo da Vinci non è solo errato ma sminuisce in effetti ciò per cui Jobs è stato tanto importante per la cybercultura.

Semmai lo sopravvaluta, altro che sminuire!
Non ti seccare, ma tra un Leonardo Da Vinci ed un venditore di fuffa rimarchiata ce ne passa!

Offline Nonefonow

  • Guru
  • *****
  • Post: 1974
  • Karma: +36/-3
    • Mostra profilo
Re:Xerox e le sue invenzioni.
« Risposta #25 il: 01 Luglio 2013, 22:16:48 »
Zio Steve non era un inventore,

Verissimo. L'altro Steve (quello di cui non si puo scrivere ne' pronunciare il nome) e' il vero inventore dell' Apple.

Purtoppo lo Zio Steve non e' vissuti I tempi di Leonardo -  l'elicottero oggi si chiamerebbe Vite Aerea.

Offline rebraist

  • Nerd
  • *****
  • Post: 946
  • Karma: +13/-1
    • Mostra profilo
Re:Xerox e le sue invenzioni.
« Risposta #26 il: 01 Luglio 2013, 22:21:57 »
Non è vero che la apple non ha inventato niente.
La apple ha inventato il brevetto su prodotto altrui.
Hmmm...
mi sa che è arrivato il momento di scaricare la batteria al pbook. E'un pò che non lo punisco.
Si prende un powerbook, si stacca la batteria. Si mettono entrambi su un tavolo. Vicini. Molto vicini. Ma non si devono toccare.
Devono sentire la presenza l'uno dell'altro. Odorarsi, annusarsi, desiderarsi.
Mai incontrarsi.
Amigaos spacca.
Aros rulla.
Morphos corre di brutto.
Sinceramente, non vorrei che mio figlio facesse amicizia con uno di questi tre tipacci.
Dottore:lei é uno di quelli che si potrebbero definire nerd...
Io: dottò, lo so di mio. Sono pure iscritto a 'n'forum...
Dottore: su internet?
Io: no a rete 4

Offline lucommodore

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 6176
  • Karma: +48/-9
    • Mostra profilo
Re:Xerox e le sue invenzioni.
« Risposta #27 il: 01 Luglio 2013, 22:46:13 »
Citazione
Far passare lo Zio buonanima per un inventore alla Leonardo da Vinci non è solo errato ma sminuisce in effetti ciò per cui Jobs è stato tanto importante per la cybercultura.

Semmai lo sopravvaluta, altro che sminuire!
Non ti seccare, ma tra un Leonardo Da Vinci ed un venditore di fuffa rimarchiata ce ne passa!

ehm, mi sono espresso male: ovviamente non volevo fare un paragone diretto tra Leonardo e Steve...  ::)
Intendevo dire che attribuire erroneamente meriti che non c'entrano niente con il suo operato sminuisce quanto effettivamente di valido fatto dallo Zio che non viene mai riportato invece delle solite leggende astruse.

Poi però voi "nerdoni" non perdete mai occasione di far battutacce sulla presunta inutilità del marketing eh... :(
Solo chi è folle sfida le sue molle!
http://www.questolibro.it/retro-garage << Scambio/Vendo RetroGame

Offline TheKaneB

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 5293
  • Karma: +20/-23
    • Mostra profilo
    • http://www.antoniobarba.org
Re:Xerox e le sue invenzioni.
« Risposta #28 il: 01 Luglio 2013, 22:56:29 »
non è inutile, è solamente dannosa, perchè serve a vendere a caro prezzo delle sole pazzesche, mentre progetti di ottima fattura giacciono in cantine buie e umide... :-(
Il marketing è un cancro nato con il consumismo, serve a instillare bisogni virtuali nella mente delle persone tramite la manipolazione.

Non ti serve la pubblicità per sapere che hai bisogno di bere l'acqua, ma per sapere che hai bisogno di bere l'acqua Sarcazzo Oligominerale povera di Sodio spremuta a mano dalle zizze del ghiacciaio delle vergini elfiche sì.

Offline lucommodore

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 6176
  • Karma: +48/-9
    • Mostra profilo
Re:Xerox e le sue invenzioni.
« Risposta #29 il: 01 Luglio 2013, 23:12:51 »
non è inutile, è solamente dannosa, perchè serve a vendere a caro prezzo delle sole pazzesche, mentre progetti di ottima fattura giacciono in cantine buie e umide... :-(
Il marketing è un cancro nato con il consumismo, serve a instillare bisogni virtuali nella mente delle persone tramite la manipolazione.
In realtà non dovrebbe essere così.
Dovrebbe servire a comunicare alla gente le possibilità che le tecnologie forniscono. Nel commercio, a comunicare le effettive possibilità di un prodotto.
Quello che descrivi tu non è "marketing" ma il suo utilizzo peggiore, finalizzato agli scopi peggiori.
Anche una mazza da baseball si può usare per rompere la testa a qualcuno ma il suo scopo sarebbe quello di essere usata per fare sport.

Non ti serve la pubblicità per sapere che hai bisogno di bere l'acqua, ma per sapere che hai bisogno di bere l'acqua Sarcazzo Oligominerale povera di Sodio spremuta a mano dalle zizze del ghiacciaio delle vergini elfiche sì.
Eh ma compare, di chi sarebbe il compito di tutelare i deficenti?
Almeno è divertente, no? :P
Solo chi è folle sfida le sue molle!
http://www.questolibro.it/retro-garage << Scambio/Vendo RetroGame

Tags: