Autore Topic: home vs personal computer  (Letto 8728 volte)

Offline Nonefonow

  • Guru
  • *****
  • Post: 1974
  • Karma: +36/-3
    • Mostra profilo
Re:home vs personal computer
« Risposta #30 il: 20 Febbraio 2015, 19:15:36 »
Poi che il Commodore 64 fosse nato apposta per i videogiochi lo hanno detto pure gli ingegneri che l'hanno creato. La fonte è il solito libro che ho già citato numerose volte.

E che il Commodore 64 fosse nato apposta per "Personal Business Aids" "Communication" "Education" e "Plus Entertainment" l'hanno detto tutta la direzione della Commodore, migliaia e migliaia di rivenditori, giornalisti, tecnici, e addetti ai lavori. La fonte e' dietro a 20 milioni di scatole del C64, scritto in milioni e milioni di brochures e depliant, in qualcosa come 30 lingue diverse.
Marketing, come già detto.

Respingere come la Commodore abbia ufficialmente categorizzato i propri prodotti con la parola "marketing" non significa che la tua categorizzazione sia corretta.
 

Offline GRENDIZER

  • Synthetic Voodoo
  • *****
  • Post: 2527
  • Karma: +14/-2
    • Mostra profilo
Re:home vs personal computer
« Risposta #31 il: 20 Febbraio 2015, 19:35:31 »
Alla fine uno dei due abbandonera' per sfinimento  ;D

Offline cdimauro

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 4291
  • Karma: +7/-95
    • Mostra profilo
Re:home vs personal computer
« Risposta #32 il: 20 Febbraio 2015, 20:19:37 »
Poi che il Commodore 64 fosse nato apposta per i videogiochi lo hanno detto pure gli ingegneri che l'hanno creato. La fonte è il solito libro che ho già citato numerose volte.

E che il Commodore 64 fosse nato apposta per "Personal Business Aids" "Communication" "Education" e "Plus Entertainment" l'hanno detto tutta la direzione della Commodore, migliaia e migliaia di rivenditori, giornalisti, tecnici, e addetti ai lavori. La fonte e' dietro a 20 milioni di scatole del C64, scritto in milioni e milioni di brochures e depliant, in qualcosa come 30 lingue diverse.
Marketing, come già detto.

Respingere come la Commodore abbia ufficialmente categorizzato i propri prodotti con la parola "marketing" non significa che la tua categorizzazione sia corretta.
Dovresti sapere che i markettari farebbero di tutto pur di vendere. Come detto prima, bisogna vedere l'ambito applicativo di quei computer, e le macchine che sono state classificate come home e personal computer rientrano nelle definizioni che ho fornito. Rientrano pure in quelle della wikipedia italiana. E in quella inglese. E pure l'ultimo paragrafo di Paolo lo spiega chiaramente.

Vuoi che ti riporti anche il messaggione che avevo scritto tempo addietro con tutto quello che avevo raccolto dal famigerato libro sulla Commodore? Così vediamo cosa ne pensava realmente chi c'ha lavorato. O nemmeno loro ti vanno bene soltanto perché quello che dicono cozza contro l'idea che ti sei fatta sull'argomento? Era una macchina da gioco, pensata principalmente per quello; come gli home computer dell'epoca.

Viceversa, i personal erano roba professionale. E non era certo un caso che fossero dotati delle famigerate 80 colonne e/o dell'alta risoluzione. Per non parlare poi della potenza di calcolo, della memoria molto più capiente, della dotazione standard di floppy o addirittura dell'hard disk, per finire poi col monitor che era quasi sempre di serie. Tutte caratteristiche indispensabili per sfruttare adeguatamente il software professionale disponibile all'epoca.

Infine, ribadisco ancora una volta: se il 64 lo sposti dagli home ai personal, poi devi fare lo stesso con tutti gli altri home computer. Dunque eliminando, di fatto, le distinzioni fra le due tipologie di prodotti. Che, però, sono esistite.

Alla fine uno dei due abbandonera' per sfinimento  ;D
Beh, se dovessimo tenere conto di tutte le parti che sono state sistematicamente tagliate pur di non rispondere alle numerose obiezioni e argomentazioni, direi che l'esito della diatriba risulti già palese. Ma lascio agli altri giudicare. ;)

Offline Nonefonow

  • Guru
  • *****
  • Post: 1974
  • Karma: +36/-3
    • Mostra profilo
Re:home vs personal computer
« Risposta #33 il: 20 Febbraio 2015, 20:42:52 »
Alla fine uno dei due abbandonera' per sfinimento  ;D

Se abbandono non e' per sfinimento, e' solo per non spaccare la minchia a Gabriele.
 
 ;D ;D ;D
 
Del resto la Commodore e' stata abbastanza chiara.  CDIMAURO si preoccupa del fatto che l'insieme "home computer" sia vuoto quindi ci lasciamo questo computer solo per lui.
 

 
 
« Ultima modifica: 20 Febbraio 2015, 20:47:51 da Nonefonow »

Offline cdimauro

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 4291
  • Karma: +7/-95
    • Mostra profilo
Re:home vs personal computer
« Risposta #34 il: 20 Febbraio 2015, 20:45:46 »
Oste, com'è il vino?

Offline cdimauro

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 4291
  • Karma: +7/-95
    • Mostra profilo
Re:home vs personal computer
« Risposta #35 il: 20 Febbraio 2015, 21:22:29 »
Recuperate le citazioni di cui parlavo prima:

VIC-20 - Citazioni

Commodore 64 - Citazioni

Questa è la gente che quelle macchine le ha realizzate, e sapeva bene quel che faceva. Incluso il famigerato Jack Tramiel. Direi che si commentano da sole.

Offline Nonefonow

  • Guru
  • *****
  • Post: 1974
  • Karma: +36/-3
    • Mostra profilo
Re:home vs personal computer
« Risposta #36 il: 20 Febbraio 2015, 23:08:26 »
Nelle citazioni che hai riportato non si legge il termine "home computer".
 
Pero' quello che hai omesso e' proccupante. 
 
Il titolo originale era "Design Case History: The Commdore 64" - The world greatest video-game chip became the basis for the world's most popular personal computer.
 
Qui di sotto la prima pagina.
 
 
 
 

Offline Nonefonow

  • Guru
  • *****
  • Post: 1974
  • Karma: +36/-3
    • Mostra profilo
Re:home vs personal computer
« Risposta #37 il: 21 Febbraio 2015, 00:26:12 »
E nella terza pagina dello stesso articolo
 
"At a meeting of Charpentier, Winterble, and Tramiel, the decision was made to go for a personal computer."

Offline cdimauro

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 4291
  • Karma: +7/-95
    • Mostra profilo
Re:home vs personal computer
« Risposta #38 il: 21 Febbraio 2015, 06:45:32 »
Quella raccolta di citazioni riguardava il fatto che Commodore VIC-20 e 64 erano macchine da gioco. La discussione è accaduta tempo fa, per cui presuppongo che tu l'abbia dimenticato. Dunque NON era una raccolta di citazioni dei termini "home computer" né tanto meno "personal computer", ovviamente.

Il tema, lo ribadisco, era: "videogiochi". Sia i progettisti sia lo stesso Tramiel, che era il CEO dell'azienda (dunque non uno dei tanti: era LUI CHE COMANDAVA, e lo dovresti sapere molto bene), volevano e hanno lavorato per creare una macchina da videogiochi. Inoltre fino a POCHI GIORNI PRIMA DELLA PRESENTAZIONE il reparto marketing dell'azienda fu tenuto all'oscuro. Sì, lo stesso reparto che hai invocato in precedenza quando sbandieravi le milioni di scritte "personal computer" col quale è stato pubblicizzata la macchinetta da videogiochi.

Per cui non ho omesso proprio niente, perché quella raccolta era orientata a tutt'altro.

Piuttosto è palese la perfetta malafede che hai dimostrato riportando soltanto le due frasette che ti facevano comodo, e null'altro. Lo faccio io, così ti "rinfresco la memoria", e rendo pubblico TUTTO quello che hai scientemente nascosto.


DALLA PRIMA PAGINA

"The 'world's greatest' video-game chips became the basis for the world's most popular personal computer"

"In January 1982, a home computer incorporating those chips was introduced at the Winter Consumer Electronics Show in Las Vegas, Nev."

"What surprised the rest of the home-computer industry most, however, was the introductory price of the Commodore 64"

"Its LSI Group, headed at that time by Albert J. Charpentier, had been responsible for some of the chips that went into Commodore's VIC-20 home computer"

"Instead, he decided, the chips would go into a 64-Kilobyte home computer to be introduced at the Consumer Eletronics Show"

"Sprite - a movable graphics object used in home computers and video-game machines for animation"

DALLA TERZA PAGINA

"The original intent had been a game machine, but at this point the personal computer market was beginning to look promising. At the meeting of Charpentier, Winterble, and Tramiel, the decision was made to go for a personal computer."


Come vedi, io non nascondo nulla: ho riportato TUTTO quello che trovato riguardo a home e personal computer. Mi spiace soltanto che non ho più il libro, perché sarebbe stato utile e interessante riportare tutte le occorrenze di quei termini, ma credo che il materiale già riportato dia una buona misura di quello che era quelle macchine e il target per le quali siano state costruite.

Adesso sarebbe interessante sapere un'altra cosa: cos'è che ti spinge a presentare delle fonti occultando parti importanti delle informazioni che contengono? Pensi che gli altri non leggano e scoprano tutto? L'avevi già fatto con Wikipeda, dove hai riportato soltanto qualche frasetta, salvo poi sistematicamente evitare di rispondere quando ho tirato fuori ciò che diceva (e ovviamente smentiva quello che avevi scritto). Sono, ribadisco, fonti TUE, e dovresti essere il primo a sostenerle. Ma, quanto meno, dovresti verificare ciò che dicono PRIMA di riportarle.

Comunque non sono problemi miei. Se a te piace fare brutte figure pur di continuare a sostenere il tuo amore smisurato per quelle macchine, io non sono nessuno per impedirlo.

Io non taglio parti scomode. Non evito accuratamente di rispondere alle obiezioni che mi vengono poste. Non riporto nuovamente cose che sono già state smentite. Non passo il tempo a cercare disperatamente qualche appiglio. Ma soprattutto non edito commenti già scritti, aggiungendo qualche battutina da due soldi e immaginette atte a prendere in giro l'interlocutore. Non lo faccio perché sono perfettamente in grado di argomentare senza scadere in questi mezzucci retorici di chi, evidentemente, non è in grado di sostenere una discussione che è divenuta troppo scomoda.

Aspetto ancora che quoti quello che ho scritto nei due thread impegnati sull'argomento, e lo contesti puntualmente portando fatti e argomentazioni. Se non lo ritieni corretto sei liberissimo di DIMOSTRARLO. Ma non farmi invecchiare nell'attesa.

Offline paolone

  • ASM Lover
  • *****
  • Post: 360
  • Karma: +22/-0
    • Mostra profilo
Re:home vs personal computer
« Risposta #39 il: 21 Febbraio 2015, 08:36:10 »
Minchia che noia! State davvero discutendo del nulla. TUTTI i computer domestici e da ufficio sono SEMPRE stati personal. Mai personal computer da casa erano stati chiamati "home" per differenziarli. Un home computer è anche personal nnell'accezione generica del termine.

Offline GRENDIZER

  • Synthetic Voodoo
  • *****
  • Post: 2527
  • Karma: +14/-2
    • Mostra profilo
Re:home vs personal computer
« Risposta #40 il: 21 Febbraio 2015, 08:55:07 »
Home computer, personal.computer erano niente a confronto dei cervelli elettronici come questo
http://www.youtube.com/watch?v=AkpjPEdw1yw
 ;D

Offline GRENDIZER

  • Synthetic Voodoo
  • *****
  • Post: 2527
  • Karma: +14/-2
    • Mostra profilo
Re:home vs personal computer
« Risposta #41 il: 21 Febbraio 2015, 09:06:27 »
Guardatevi sta review storica del 64

http://www.youtube.com/#/watch?v=fe1-VVXIEh4

Offline Amig4be

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 6000
  • Karma: +45/-27
    • Mostra profilo
    • Commodore Computer Blog
Re:home vs personal computer
« Risposta #42 il: 21 Febbraio 2015, 11:08:50 »
I computer "moderni" (oggetti dalle dimensioni contenute) venivano definiti Home nel periodo in cui la loro posizione fisica poteva essere di due tipi:
o in ufficio/studio/laboratorio/scuole/salemacchine/officine, oppure in Casa.
In un primo tempo questi sistemi erano tra loro molto diversi... al lavoro prevalentemente trovavamo IBM e compatibili. Per le case avevamo un ecosistema di macchine che si contendevano i salotti delle famiglie a colpi di suoni polifonici, colori, animazioni, e cose fighe.  I primi avevano bisogno di monitor dedicati che costavano un occhio, gli home computer si accontentavano di una qualsiasi tv.
Commodore ed Apple provavano a tenere un piede sia da una parte che dall'altra, ma è un dato di fatto che commodore svettava con i suoi prodotti destinati all'ambiente domestico, quindi si spiega anche il personal home computer A1500 (e questo è un punto importante); una questione di marketing.
Successivamente però quelli che definivamo pc (roba costosa, senza troppi colori o fuochi d'artificio e noiosa) hanno cominciato ad avere i giochi migliori, del software creativo alla portata di tutti (anche certe ka di amiga portate su msdos). Insomma, l'appassionato domestico più furbo iniziava a capire che forse era meglio puntare su un'unica macchina probabilmente destinata a dominare qualsiasi campo. Quello fanatico ottenebrato o sentimentale voleva sempre amiga o apple anche quando non erano più convenientissimi.
E così è accaduto giungendo finalmente al personal computer moderno (le cui caratteristiche erano state anticipate da Amiga e anche Apple) che ha trovato la sua massima e definitiva espressione del PC Notebook (prodotti per la massa e non ad esempio per professionisti che avevano bisogno di un ufficio  portabile)... e non c'è niente di più personal del propio pc notebook, solo lo smartphone credo (ma che non è un pc, almeno non ancora).


Offline Amig4be

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 6000
  • Karma: +45/-27
    • Mostra profilo
    • Commodore Computer Blog
Re:home vs personal computer
« Risposta #43 il: 21 Febbraio 2015, 11:34:07 »
@Amig4be

nota le note commerciali di SGI per la Personal Iris, in un abile gioco di parole

Citazione
The Personal IRIS is the first personal 3D workstation combining dynamic 3D graphics, powerful computing, and ease of use. The price/performance breakthrough and complete features of this personal 3D workstation make it an attractive platform for many technical, scientific, and creative design applications.

l'adesivo

Citazione
if you can own it, it's personal to you

questa costava, ma non cosi' tanto da essere proibitiva, quindi potevi anche prendertene una tua personale
+ o - come potevi comprarti un Apple Lisa

e molte di quelle che si sono salvate hanno mostrato che i proprietari le tenevano nello studio di casa
quelle nelle ditte sono state quasi tutte frullate in pressa idraulica

ergo era una cosa personale, stava a casa tua  :D

beh la grafica 3D ha origini lontane, molti algoritmi e principi sono nati negli anni 60/70 quando si costruivano le basi per degli strumenti che successivamente sarebbero finiti nelle mani di artisti e creativi (i quali non hanno bisogno di comprendere che razzo fa il pc quando utilizzano una texture procedurale o un algoritmo di suddivisione della mesh). Il tutto anche grazie all'accoppiata Pixar Jobs. Qui amiga è stata la culla per un genere di software da usare in casa che avrebbe poi preso il sopravvento... ma siccome la potenza di calcolo non basta mai, certi modelli di workstation facevano sbavare anche giovani studenti o chi si cimentava in quelle arti. Se avevano soldi per prenderne una, se la portavano a Casa. Ad esempio il creatore di Blender nel 94 riadattò il suo codice da amiga a una di queste ws quando da smanettone, ormai lavorava in uno studio di animazione. Poi la potenza del pc ha preso sempre più piede... c'era 3ds, sono arrivati i software nati su amiga e altre piattaforme dedicate.

Offline GRENDIZER

  • Synthetic Voodoo
  • *****
  • Post: 2527
  • Karma: +14/-2
    • Mostra profilo
Re:home vs personal computer
« Risposta #44 il: 21 Febbraio 2015, 12:27:14 »
@GRENDIZER
ahahahahahahahahahahahahahhahahaahh  :D

fantastico

http://www.youtube.com/#/watch?v=Dm4xCnvRZeY

 ;D


Tags: