Autore Topic: IBM Blue Brain - Simulazione del cervello  (Letto 4425 volte)

Offline cdimauro

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 4291
  • Karma: +7/-95
    • Mostra profilo
Re: IBM Blue Brain - Simulazione del cervello
« Risposta #30 il: 10 Novembre 2011, 15:25:04 »
http://it.wikipedia.org/wiki/Roger_Penrose

"Penrose ha scritto vari libri divulgativi. In La mente nuova dell'imperatore e Ombre della mente, dopo aver descritto lo status attuale della fisica, egli affronta i limiti teorici dell'intelligenza artificiale e sostiene che esistono delle differenze intrinseche e ineliminabili fra l'intelligenza artificiale e l'intelligenza dell'uomo. In questi libri, egli cerca di dimostrare questa affermazione, osservando che l'uomo può compiere operazioni che non sono riconducibili alla logica formale, come sapere la verità di asserzioni non dimostrabili o risolvere il problema della fermata. Queste affermazioni furono fatte in origine dal filosofo John Lucas del Merton College dell'Università di Oxford."

Offline TheKaneB

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 5293
  • Karma: +20/-23
    • Mostra profilo
    • http://www.antoniobarba.org
Re: IBM Blue Brain - Simulazione del cervello
« Risposta #31 il: 10 Novembre 2011, 15:44:50 »
sapere la verità di asserzioni non dimostrabili suona un po' come "Abbi fede", quindi già non mi fa molta simpatia :D
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »

Offline cdimauro

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 4291
  • Karma: +7/-95
    • Mostra profilo
Re: IBM Blue Brain - Simulazione del cervello
« Risposta #32 il: 10 Novembre 2011, 16:22:14 »
E lo dici a un ateo? :ugeek:

Offline cdimauro

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 4291
  • Karma: +7/-95
    • Mostra profilo
Re: IBM Blue Brain - Simulazione del cervello
« Risposta #33 il: 10 Novembre 2011, 19:02:42 »
Quelle di Penrose rimangono in ogni caso delle ipotesi. Di Kandel, invece, non so nulla.

Comunque possiamo dire che almeno a livello di puro calcolo dovremmo poterci arrivare. Vedremo poi cosa sarà in grado di fare questo supercomputer, cioè se sarà in grado di sviluppare capacità tipiche di un essere umano.

Offline TheKaneB

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 5293
  • Karma: +20/-23
    • Mostra profilo
    • http://www.antoniobarba.org
Re: IBM Blue Brain - Simulazione del cervello
« Risposta #34 il: 10 Novembre 2011, 20:41:13 »
Vorrei ridimensionare un pelo le considerazioni sul progetto IBM Blue Brain.

La simulazione in questione "non gira in realtime", ma simula i processi cellulari dei neuroni (la cui mappatura è ottenuta tramite una specie di tomografia a partire da un pezzo di tessuto corticale reale), quindi simula le pompe protoniche, la propagazione del potenziale di membrana, l'emissione e la ricezione di neurotrasmettitori sinaptici, ecc...

Lo scopo principale, dichiarato dalla stessa IBM, di questo progetto è la simulazione ad alta fedeltà dei processi cellulari a fini medici. Detto in altre parole, quando il modello di calcolo sarà completo, IBM affitterà tale macchina alle case farmaceutiche per simulare gli effetti di farmaci sperimentali sul cervello, prima ancora di passare alla sperimentazione reale.
Lo scopo NON è quindi quello di riprodurre i processi cognitivi, ma quello di sviluppare farmaci più specifici, perchè curare le malattie cerebrali con gli attuali psicofarmaci equivale a pettinarsi i capelli con le bombe a mano, non so se ho reso l'idea  :lol:

IBM ha poi ipotizzato (leggevo non ricordo in quale comunicato, comunque rintracciabile tra i link che ho postato) che gli sviluppi portati dalla loro ricerca potrà aiutare, in seguito, a costruire un modello sintetico di cervello (questa volta per scopi di ricerca sulle AI) usando i cosiddetti "chip cognitivi". Si tratta di processori speciali che invece di fare calcoli numerici, implementano al loro interno un circuito analogico che simula l'attività elettrica di un certo gruppo di neuroni. (la struttura di tali chip prevede anche la presenza di molecole organiche).
Tramite queste simulazioni sarà possibile quindi vedere come funzionano i neuroni (confrontando i dati simulati con i dati reali misurati), e magari tra 50 anni capiremo se effettivamente l'intelligenza e le nostre capacità cognitive sono il frutto di processi fisici classici o se entrano in gioco anche processi quantistici.

Insomma, il Blue Brain parte da una scansione 3D dei neuroni, e prova a simularli usando i modelli matematici più semplici, di cui abbiamo una ragionevole certezza (quindi simulando proprio a livello chimico/cellulare), e se il risultato delle simulazioni combacia o meno con il funzionamento reale del cervello, allora potremo fare confronti diretti e capire dove stanno gli errori (se ci saranno errori).
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »

Offline cdimauro

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 4291
  • Karma: +7/-95
    • Mostra profilo
Re: IBM Blue Brain - Simulazione del cervello
« Risposta #35 il: 11 Novembre 2011, 07:11:37 »
OK.
Citazione da: "dsar"
Citazione da: "cdimauro"
Quelle di Penrose rimangono in ogni caso delle ipotesi.
Be' sono in tanti ad ipotizzare un modello quantico del cervello, qui trovi una serie di autori: http://en.wikipedia.org/wiki/Quantum_mind
Leggendo pareri di altri fisici o biofisici sul net, sono in tanti a crederlo, anche se non hanno sviluppato un modello.
Non lo metto in dubbio.
Citazione
Tieni conto che buona parte del cervello attualmente non si può spiegare.
E quindi non possiamo pensare nemmeno a un modello quantistico.
Citazione
Citazione da: "cdimauro"
Di Kandel, invece, non so nulla.
Kandel non ha ipotizzato nulla a livello quantico, studia solo il problema della memoria, nonostante abbia ottenuto dei risultati (ed ha vinto il nobel per la medicina nel 2000) è ancora ad un punto fermo. Comunque nei suoi libri tratta anche altri problemi della neuroscienza.
Le conclusioni (provvisorie) di Kandel portano all'esclusione della possibilità di simulare i processi cognitivi del cervello umano?
Citazione
Citazione da: "cdimauro"
Comunque possiamo dire che almeno a livello di puro calcolo dovremmo poterci arrivare. Vedremo poi cosa sarà in grado di fare questo supercomputer, cioè se sarà in grado di sviluppare capacità tipiche di un essere umano.
Tieni conto che non possiamo simulare "qualcosa che non conosciamo bene", quindi chiamarlo cervello umano è troppo secondo me. Chiamiamola intelligenza artificiale.
OK
Citazione
Boh, io vorrei vedere se riuscisse ad elaborare tutte le teorie scientifiche (dalla meccanica classica alla teoria delle stringhe) con la semplice osservazione dei fenomeni. Nella logica deduttiva l'uomo è insuperabile
Se si scoprirà che una macchina potrà fare esattamente le stesse cose di un cervello umano, non vedo perché dovrebbe esser da meno.

Magari arriverà a concludere in poco tempo che la migliore cosa da fare per il bene della Terra sia eliminarci. :lol:

Offline Allanon

  • Administrator
  • Synthetic Voodoo
  • *****
  • Post: 3497
  • Karma: +17/-4
    • Mostra profilo
    • http://www.a-mc.biz
Re: IBM Blue Brain - Simulazione del cervello
« Risposta #36 il: 11 Novembre 2011, 08:24:32 »
La fantascienza insegna... cmq secondo me riprodurre l'intelligenza umana non è proprio ciò che auspico: la psiche umana è fragile, mentre i nostri processi mentali sono facilmente influenzabili. Se l'obiettivo ha fini medici ben venga, altrimenti non avrebbe senso investire fantastiliardi per creare una forma di intelligenza simile alla nostra che ne eredita gli stessi difetti.
Ma siccome ultimamente sto diventando un po' paranoico e complottista, forse in seguito alla tristezza che provo ogni vota che vedo un politicante qualsiasi, questa simulazione potrebbe giovare a chi al potere si è sempre chiesto come controllare le masse.
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »

AmigaCori

  • Visitatore
Re: IBM Blue Brain - Simulazione del cervello
« Risposta #37 il: 11 Novembre 2011, 14:11:35 »
Citazione da: "Allanon"
Ma siccome ultimamente sto diventando un po' paranoico e complottista, forse in seguito alla tristezza che provo ogni vota che vedo un politicante qualsiasi, questa simulazione potrebbe giovare a chi al potere si è sempre chiesto come controllare le masse.

...dovresti uscire ogni tanto da quel bunker  :icon-rolleyes:
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »

Offline cdimauro

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 4291
  • Karma: +7/-95
    • Mostra profilo
Re: IBM Blue Brain - Simulazione del cervello
« Risposta #38 il: 11 Novembre 2011, 18:26:27 »
Al momento non abbiamo una teoria universale che possa spiegare tutto, dall'infinitamente piccolo all'infinitamente grande.

Riguardo al cervello, se al momento non lo conosciamo abbastanza bene vuol dire che non sappiamo se sia necessario un modello quantico o uno "newtoniano". Da cui la mia affermazione precedente.

Sì, è vero che ci sono delle reazioni chimiche, ma potrebbero essere trattate in maniera meccanica anziché statistica.

Nel primo caso un supercomputer come quello di IBM si presta a essere il candidato ideale, perché ci basiamo sulla forza bruta applicata a una modellazione "classica" (dal punto di vista informatico) al problema.

Nel secondo caso, beh, io di modelli quantici non sono ferrato, per cui mi fermo qui. :think:

Tags: