Autore Topic: Fiaba  (Letto 2185 volte)

LimboC=128

  • Visitatore
Re: Fiaba
« Risposta #15 il: 26 Gennaio 2012, 11:01:51 »
Citazione da: "rebraist"
Tralasciando i malati tipo me che devono ascoltare tutte le possibili esecuzioni delle opere di beethoven, parlando della gente "normale", non credo sia una questione di "educazione" all'ascolto.
O meglio, non solo.
C'è chi ama alla follia beethoven (l'autore di questo post in questo momento sta gorgogliando la nona con cipiglio altero ma non è cattivo) e chi anche se glielo inietti endovena non lo sopporta.
C'è chi ama la musica elettronica (anche d'autore) e chi invece non la digerisce.
E'una questione di predisposizione.
L'educazione all'ascolto ti fa scoprire cose che non conoscevi, questo si. E, se dentro di te c'è il gene progressive non lo lasci più.
Ma è anche questione di mode.
Felona e sorona (UNA STANDING OVATION DI DUE ORE PER LE ORME. Chi ha mai sentito contrappunti? Dopo lo posto) a metà anni 70 "si portava" perchè il prog era la musica del momento, e se volevi cuccare dovevi ascoltare quello, suonare quello, vivere quello, fumare quello, ma passato quel periodo, gli stessi che ascoltavano il flauto di latimer si buttarono sul punk perchè si erano rotti i co...ni dei barocchismi dell'organo di keith emerson o della chitarra di robert fripp... (COME SI FA? COME SI FA? MONDO INGRATO!!).

Ecco, è più o meno questo il punto. L'educazione c'entra ma in maniera minore. Il padre di una mia amica ha vissuto in pieno il periodo prog italiano, ha conosciuto molti musicisti dell'apoca e ha anche scritto degli articoli. Ovviamente ha una bella collezione di vinili, i casa della mia amica ne ho visto per caso uno dei Garybaldi. Ora, non per questo la mia amica ascolta solo prog, anzi non è che ne sia molto attratta per la verità.  :geek:
Il successo di gente come Ligabue e Vasco è dato da un insieme di fattori, il linguaggio utilizzato, le tematiche vicine al pubblico, la musica melodica e ritornelli che si ricordano facilmente. La misica è una forma d'arte, e si può paragonare alla pittura. La pittura figurativa è compresa e digerita da tutti perchè non ha bisogno di interpretazioni, altre forme di pittura come l'astrattismo sebbene contengano, semplificando, una ricerca approfondita ed un forte impatto emotivo piace a poche persone. E non si parla di pubblico di adolescenti.
Ho ascoltato Aria di Alan Sorrenti, lucommodore ha condiviso il link su FB. Nonostante a me il prog piaccia non riesco proprio a digerirla, dovrei essere fatto di oppio probabilmente  :D
Comunque i Fiaba spaccano!
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »

Offline lucommodore

  • Human Debugger
  • *****
  • Post: 6176
  • Karma: +48/-9
    • Mostra profilo
Re: Fiaba
« Risposta #16 il: 26 Gennaio 2012, 13:17:05 »
Citazione da: "LimboC=128"
Il successo di gente come Ligabue e Vasco è dato da un insieme di fattori, il linguaggio utilizzato, le tematiche vicine al pubblico, la musica melodica e ritornelli che si ricordano facilmente. La misica è una forma d'arte, e si può paragonare alla pittura. La pittura figurativa è compresa e digerita da tutti perchè non ha bisogno di interpretazioni, altre forme di pittura come l'astrattismo sebbene contengano, semplificando, una ricerca approfondita ed un forte impatto emotivo piace a poche persone. E non si parla di pubblico di adolescenti.
Seconodo me il successo di gente come Ligabue e Vasco è dovuto al fatto che NON si tratta di arte (musica) ma di prodotti commerciali d'intrattenimento (con una componente di musica) su cui sono stati investiti milioni.
E nel commercio la regola è che chi più investe più guadagna.
Tutto qui.

In pratica avrebbe successo quasi chiunque con un botto di soldi che si faccia seguire da professionisti ed esperti per metter giù un dischino ogni 2 anni e che possa con continuità permettersi di far fronte a costi di etichette (label), di agenzie, degli impianti e delle organizzazioni dei mega-tour, di articoli, pubblicità e redazionali e passaggi in radio, in TV, ecc. senza mai smettere per 20 anni.
Ed è davvero così, nei circuiti che contano è dai primi anni '80 che si vedon 1000 "meteore" (gente che fa il botto e poi sparisce) per ogni 10 "dinosauri" (quelli che son sempre lì, come VascoLigabue appunto). La vera differenza tra i primi e i secondi sono le risorse: le meteore han trovato i soldi da investire solo per un breve periodo, i dinosauri son ricchissimi e possono continuare a farlo sempre fino ad arrivare anche a guadagnarci o a stra-guadagnarci.

Analogamente una band underground riesce a mettere insieme la registrazione di un disco e un po' di materiale su web; un buon cantautore magari riesce a investirci qualche migliaio di euro in più, ad appoggiarsi ad una etichetta indipendente, a fare qualche breve tour per piccoli locali e ad ottenere qualche passaggio su radio minori... Nulla più. Ed è ovvio che questi risultino perfetti sconosciuti alle masse. Perché nella musica il mecenatismo non c'è più dalla fine dei '70 e nella musica commerciale dei grandi numeri non contano né il talento né l'arte.
Qualche considerazione sparsa:
se Le Orme avessero avuto i soldi di Ligabue adesso riempirebbero ogni stadio d'Italia; Leonero in Giappone sanno chi è, in Italia no; i dischi del Rondò Veneziano non hanno un distributore italiano da 20 anni, Luca di Risio ce l'ha; i Mariposa hanno fatto un sacco di dischi e i bravissimi musicisti della band han collaborato anche con Vips come Elisa ed altri famosissimi ma non li conosce nessuno; tutti sanno chi canta a x-factor e che quello che vince verrà distribuito dalla Sony Music; la band del figlio di Adriano Galliani qualche anno fa ha aperto a San Siro per il concerto degli U2; i New Trolls dopo la pubblicazione del terzo "Concerto Grosso" avevano i cartelloni con le loro facce (De Scalzi e Di Palo) grandi come 2 grattacieli di Seul, io li ho visti l'anno dopo al cortile del tribunale di Bologna (non scherzo!)  
Queste cose e altre 1000 mi han fatto capire che la qualità della musica è sempre e completamente slegata dal successo commerciale. Non c'entra niente, in Italia in modo particolare...
L'errore forse sta proprio nel paragone: Le Orme fanno musica, Vasco fa il circo. E' normale che la gente si affezioni alla semplice ed efficace colonna sonora del circo dove va a divertirsi ma la musica è invece espressione artistica, ben altro rispetto a costosissime produzioni dai suoni "cool" per 4 accordi bene arrangiati su ritmica infantile che vengono usati come base per malcantarci sopra frasi sborone tutti insieme allegramente.

Citazione da: "LimboC=128"
Ho ascoltato Aria di Alan Sorrenti, lucommodore ha condiviso il link su FB. Nonostante a me il prog piaccia non riesco proprio a digerirla, dovrei essere fatto di oppio probabilmente  :D
Dicevi così pure dei Samael e poi hai preso il disco... Fatti di oppio e riascoltala  :mrgreen:
[youtube:h2opiq8y]http://www.youtube.com/watch?v=9O_FrtnxYjk[/youtube:h2opiq8y]

Citazione da: "LimboC=128"
Comunque i Fiaba spaccano!
I Fiaba metton d'accordo tutti, ad Aprile esce il nuovo disco :dance:
« Ultima modifica: 01 Gennaio 1970, 02:00:00 da Guest »
Solo chi è folle sfida le sue molle!
http://www.questolibro.it/retro-garage << Scambio/Vendo RetroGame

Tags: